2^ fase di acquisizione dei missili SPIKE LR per l’Esercito Italiano

0
207

In Parlamento è approdata la 2^ fase del programma di acquisizione dei lanciatori e dei missili Spike Long Range per l’Esercito Italiano.

Il programma è volto a realizzare la sostituzione dei vetusti sistemi controcarro a media gittata MILAN (per i quali non è più garantita la produzione di missili), mediante l’acquisizione di sistemi d’arma “SPIKE” (lanciatori e missili Long Range), sistemi di simulazione indoor e outdoor, corsi, documentazione, parti di ricambio, special tools e support equipment.

Il sistema d’arma, prodotto dalla società israeliana RAFAEL, consente la distruzione di bersagli, compresi i moderni carri da combattimento (inclusi quelli protetti da corazzature reattive e da sistemi antimissile di ultima generazione, quali i sistemi di protezione attiva e le contromisure optroniche).

È utilizzabile in qualunque condizione meteorologica, in ambiente urbano e/o contaminato NBC e non risente del disturbo elettromagnetico: ciò lo rende impiegabile in un vasto spettro delle operazioni militari.
La fase seconda del programma è volta a garantire l’equipaggiamento di circa 10 reggimenti di fanteria tramite l’acquisizione di:
— 124 lanciatori “SPIKE”;
— 165 missili “SPIKE” Long Range;
— 10 sistemi di simulazione indoor e 11 sistemi outdoor;
— corsi, documentazione, parti di ricambio, special tools e support equipment.

La 1^ fase del programma, approvata con Decreto Ministeriale SMD 36/2019, è stata avviata nel 2019 e si concluderà nel 2030.
La 2^ fase, oggetto di approvazione parlamentare, è di previsto avvio nel 2023 e durata complessiva di sei anni (2023-2028).

Il sistema d’arma nel suo complesso è prodotto dalla società israeliana Rafael.
Non è da escludersi il coinvolgimento di realtà industriali italiane nell’assemblaggio dei missili SPIKE, localizzate principalmente nelle regioni Emilia Romagna, Lazio, Toscana e Liguria.

Lo Stato Maggiore della Difesa afferma che la 2^ fase del programma, del valore stimato di 143,0M€”, di cui una quota parte, pari a 51,0 M€, è finanziata a valere sugli stanziamenti derivanti da capitoli del settore investimento del Bilancio Ordinario del Ministero della Difesa, nell’ambito delle risorse disponibili a legislazione vigente.
Il completamento della 2^ fase del programma, per il restante valore previsionale di 92,0 M€, sarà realizzato attraverso successivi provvedimenti finalizzati al completamento delle acquisizioni dei missili, garantendo la piena dotazione ai reggimenti destinatari.

Foto Rafael Advanced Defence Systems

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui