22 maggio 1968, scompare il sottomarino nucleare USS Scorpion

0
257

Il sottomarino a propulsione nucleare USS Scorpion (SSN-589) è il secondo battello a propulsione nucleare dell’U.S. Navy ad affondare con tutto l’equipaggio dopo il misterioso incidente dell’USS Thresher del 1963.

Nondimeno anche l’affondamento dello Scorpion è avvolta da un alone di mistero che ancora oggi non è stato totalmente eliminato.

L’USS Scorpion era un battello della classe Skipjack varato nel 1959, lungo 76,7 metri e propulso da un reattore nucleare S5W della Westinghouse in grado di spingerlo ad una velocità massima in immersione di 33 nodi (66 km/h) quando immerso.

L’ultimo contatto radio con lo Scorpion avvenne tra il 20 ed 21 maggio del 1968 quando il Comandante Francis Slattery riferì a COMSUBLANT di essere vicino ad un sottomarino ed alcune navi da ricerca sovietiche e stava iniziando “l’attività di sorveglianza.”

Il sottomarino statunitense era atteso a Norfolk il 27 maggio alle ore 13:00 ma l’USS Scorpion non ritornò in patria ed il 5 giugno venne dichiarato “presumibilmente perso”.

Ad ottobre dello stesso anno la nave oceanografica USNS Mizar localizzò lo Scorpion a circa 740 km sud-ovest delle Azzorre ad oltre 3.000 metri di profondità anche grazie all’analisi dei suoni registrati dal sistema SOSUS.

In rosso la zona dove è stato ritrovato l’USS Scorpion (Fonte: Commons)

La commissione istituita dall’USN sebbene “non in grado di individuare le cause certe della perdita dello Scorpion a causa della mancanza di prove” indicò come probabile la detonazione di un siluro mentre l’equipaggio del battello cercava di disarmarlo.

Nel novembre 2012 l’associazione U.S. Submarine Veterans chiese all’USN di riaprire l’inchiesta ma la Marina rifiutò la richiesta.

Una teoria che ha molto preso piede nel corso del tempo è quella di una esplosione a causa dell’idrogeno sprigionato durante la fase di carica delle batterie.

A bordo del sottomarino sono ancora presenti due siluri Mark 45 (ASTOR) dotati di testa di guerra nucleare W34 da 11 kilotoni e l’USN è tenuta ad effettuare ogni anno l’analisi dell’acqua per accertarsi che non vi sia il rilascio di materiale radioattivo nell’Oceano.

Il Comandante dell’USS Scorpion, Francis Slattery

In sintesi, l’USS Scorpion è affondato in seguito ad una catastrofica esplosione avvenuta a bordo portando con se 99 marinai ma nessuno esperto o ente ne ha stabilito l’origine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui