giovedì, Ottobre 21, 2021

56 Airbus C-295 e 83 Tejas per l’Aeronautica indiana

-

Un 2021 che si prospetta movimentato per l’Aeronautica Militare indiana dato che il Ministero della Difesa ha messo nero su bianco l’acquisizione di 56 velivoli da trasporto Airbus C-295 per 2,5 miliardi di dollari e di 83 caccia multiruolo Tejas Mk 1A.

I C-295 sostituiranno i vetusti Avro 748 ormai arrivati alla fine della loro vita operativa dato che hanno iniziato a volare negli anni 60′ dello scorso secolo.

Secondo le ultime notizie una parte della produzione, 16 aerei, avverrà in Spagna mentre i rimanenti 40 velivoli saranno assemblati in India dalla Tata Advanced System.

Per quanto concerne il Tejas la decisione era attesa da tempo ed è richiesta l’approvazione da parte dal Comitato sulla Sicurezza.

La firma dovrebbe avvenire in concomitanza con Aero India, il salone aeronautico più importante del paese, che si terrà il prossimo mese tra il 3 ed il 7 febbraio a Bangalore.

Questa accelerazione, su ambedue i programmi, è la risposta del Governo indiano alle crescenti tensioni lungo la LAC (Line of Actual Control) con la Cina.

C-295

Il C-295 ha una apertura alare di 25,81 metri, una lunghezza di 24,46 ed una altezza di 8,66. Il peso massimo al decollo è di 21 tonnellate ed è in grado di trasportare 73 militari oppure 48 paracadutisti, 12 barelle in terapia intensiva o 9,25 tonnellate di carico.

Con 8 tonnellate di materiale a bordo, il velivolo ha una autonomia di 2.148 km.

Tejas

IAF LCA Teyas

Il Tejas è un caccia leggero “Made in India” che ha accumulato decine di anni di ritardo (per approfondire la questione).

Nel 2017, la stessa Aeronautica indiana, aveva valutato il Tejas “molto indietro” rispetto all’F-16 americano o al Gripen svedese.

Le criticità sono nel basso tempo di loitering in zona d’operazioni, basso carico di armamento e costi di manutenzione più alti.

Non ancora uscita dalla fase di sviluppo il DRDO sta già sviluppando il Tejas MK2 che dovrebbe andare a limare quei limiti evidenziati sopra. Il primo volo è però previsto solamente per il 2023.

Nel 2018 i piani di acquisizione dell’Aeronautica parlavano di 201 Tejas MK2 da sommare agli MK1 raggiungendo così una massa critica di 324 Tejas in totale nei prossimi anni.

Malgrado l’aereo sia rappresentato come esempio di “Made in India” il motore è l’americano F404 (F414 nell’MK2), il seggiolino è inglese della Martin Baker, il radar israeliano (quello indiano era previsto ma è stato scartato) e può lanciare missili aria-aria israeliani e russi.

Ultime notizie

“Si è concluso in questi giorni l’articolato e complesso iter tecnico-amministrativo che ha visto il Ministero della Difesa prodigarsi...
Il Direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, Dott. Nicola Latorre, ha ricevuto presso gli Uffici della Direzione Generale il Generale C.A. Luciano Portolano, Segretario Generale della Difesa...
L'Agenzia per gli armamenti svedese ( Försvarsmakten o FMV) ha emesso un bando di gara per l'acquisto di imbarcazioni...
E' stato siglato un importante contratto tra la Norwegian Defence Material Agency e Kongsberg Defence & Aerospace del valore...

Da leggere

Saab ha inaugurato un nuovo impianto industriale negli Stati Uniti per il programma T-7A Red Hawk

Saab ha annunciato l'inaugurazione della sua nuova struttura industriale...

Il Direttore AID, Nicola Latorre, ha ricevuto il Generale Luciano Portolano, nuovo Segretario Generale della Difesa

Il Direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, Dott. Nicola Latorre, ha ricevuto presso gli Uffici...