sabato, Ottobre 23, 2021

Accordo per il ribaltamento a mare di Sestri Ponente

-

La sede della Fincantieri a Trieste

Nella giornata del 14 maggio u.s., è stato siglato l’accordo tra la Regione Liguria, il Comune di Genova, le società Fincantieri ed ENI-Porto Petroli, le Ferrovie dello Stato, l’Autorità di Sistema Portuale, la Marina Aeroporto, la Capitaneria di Porto ed il Corpo Piloti per la realizzazione delle opere di ribaltamento a mare che prevedono l’imponente ampliamento del cantiere Fincantieri di Sestri Ponente.
Nell’ambito di questo accordo-quadro è stato specificato che l’ampliamento del cantiere, dovuto alle necessità di sviluppo di Fincantieri, dovrà comportare il minimo impatto possibile sull’operatività delle altre imprese presenti nell’area del bacino di Sestri Ponente e non dovrà interferire con l’attività della stessa Fincantieri.
In particolare, l’ampliamento del cantiere di Sestri Ponente permetterà la costruzione di navi con lunghezza sino a 400 metri e di oltre 170.000 tonnellate di stazza; le opere prevedono lo spostamento a monte della linea ferroviaria e la ricostruzione delle officine di prefabbricazione che, al contempo, saranno oggetto di ammodernamento.
Le opere saranno realizzate in più lotti e sarà eseguita anche la sistemazione idraulica del Rio Molinassi il cui alveo verte sull’area interessata.
I costi previsti sono pari a 600 milioni di euro di cui già 100 milioni sono resi disponibili. L’inizio dei lavori, eseguiti sotto il controllo di una cabina di regia formata da tutti gli enti pubblici e privati interessati, potrebbe essere fissato a settembre o non più tardi della fine del presente anno.
Si pensa di reimpiegare i detriti prodotti dallo smantellamento del Ponte Morandi per le opere di ribaltamento a mare.
L’ampliamento del cantiere di Sestri Ponente permetterà a Fincantieri di poter costruire unità molto più grandi rispetto a quelle realizzate attualmente negli stabilimenti italiani, portandola a poter competere con le altre realtà europee, tra cui i Chantiers de Atlantique di Saint Nazaire, già STX France oggetto di un tormentato accordo tra la società triestina e lo Stato Francese, che possiedono il bacino di costruzione più lungo nel Vecchio Continente, nonché con gli altri players mondiali.

(Tutti i diritti riservati)

Ultime notizie

Il Ministero della Difesa di Oslo ha decretato di ritirare dalla linea operativa tutti i caccia bombardieri Lockheed Martin...
Festa dei Paracadutisti, Sottosegretario Pucciarelli: specialità altamente competente ed affidabile anche nelle situazioni più critiche.“Nell’odierna ricorrenza che segna l’inizio...
23 ottobre 2021: i paracadutisti celebrano oggi il 79° anniversario della battaglia di El AlameinNell’ottobre del 1942,...
La Royal Navy ha testato con successo un nuovo sistema missilistico progettato per proteggere le nuove portaerei britanniche dagli...

Da leggere

Capacità antimissile e difesa aerea avanzata per le Forze Armate Italiane

Nella terza decade del mese di settembre sono approdati...

Nuovo pattugliatore d’altura P.04 “Osum” per la Guardia di Finanza

Presso il Cantiere Navale Vittoria di Adria è stato...