fbpx

Accordo tra Francia e Germania per il MGCS

A Berlino, Francia e Germania  hanno raggiunto il punto d’intesa sul progranna MGCS, accordandosi su come sviluppare il Main Ground Combat System (MGCS) e sulla suddivisione dei carichi di lavoro tra i due Paesi.

L’accordo è stato reso noto al termine del vertice sulla cooperazione militare tenutosi tra i Ministri Sébastien Lecornu e Boris Pistorius, rispettivamente per Francia e Germania.

L’intesa appena raggiunta, dopo mesi di confusione e polemiche, prevede che i lavori siano equamente suddivisi tra i comparti industriali francese e tedesco; il relativo documento formale per attivare la prima fase di sviluppo sarà sottoscritto dalle due parti a Parigi il prossimo 26 aprile con un successivo accordo di impegno previsto entro la fine dell’anno.

Il programma MGCS dovrebbe portare al dispiegamento del mezzo da combattimento di nuova concezione e generazione attorno il 2040, permettendo di sostituire le linee carri armati Leclerc, Leopard 2 e derivati, ed altri tipi di mezzi tra cui l’italiano Ariete.

I due Ministri hanno chiarito che i due programmi FCAS/SCAF per un velivolo da combattimento di nuova generazione e MGCS sono stati assegnati in modo tale che le rispettive industrie nazionali non fossero penalizzate; di fatto se a Parigi spetterà il “primato intellettuale” sul FCAS/SCAF con Dassault e Thales in prima fila, per il MGCS sarà l’esatto contrario con KNDS (Krauss Maffei Wegmann ed il francese Nexter Group) e Rheinmetall ad avere una sorta di supremazia nel programma.

Bisognerà ora capire come sarà gestita la partecipazione dell’Italia e quella possibile di Svezia e Polonia al programma, stante l’avvenuta apertura da parte di Parigi dopo un iniziale ostracismo.

Immagine @KNDS

Articolo precedente

La Germania ordina centoventitré Boxer 8×8 da supporto fuoco in Australia

Prossimo articolo

Prolungamento della vita operativa degli Hornet svizzeri

Latest from Blog

Ultime notizie