Ad ILA 2022 presentato il motore Catalyst di Avio Aero per l’Eurodrone

0
217

In occasione del salone aeronautico ILA 2022 a Berlino, è stato presentato il motore Catalyst realizzato da Avio Aero che è stato selezionato come apparato propulsivo per l’Eurodrone.

Al salone, oltre il modello del Catalyst era presente il mock-up in rapporto 1:1 del Eurodrone con la nuova configurazione propulsiva che, rispetto alle precedenti versioni, abbandonava la configurazione ad eliche spingenti a favore di una ordinaria trazione.

Airbus  Defence & Space GmbH (ADS), in qualità di capo commessa ha presentato la nuove versione del Eurodrone, frutto della cooperazione con Dassault e Leonardo, significativamente armata con munizionamento guidato per attacchi di precisione.

L’Eurodrone sarà un velivolo a pilotaggio remoto per missioni ISTAR e con capacità di attacco di precisione che avrà un peso massimo al decollo di circa 11 tonnellate con capacità di carico di 2,3 tonnellate, autonomia di oltre 40 ore, tangenza massima operativa di 45.000 (oltre 13.000 metri) piedi, velocità massima di 265 nodi (490 km/h).

Lo scorso febbraio è stato siglato da OCCAR, l’Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti che rappresenta i Paesi partecipanti al programma, Francia, Germania, Italia e Spagan, e da Airbus, quale capo commessa, il contratto che comprende lo sviluppo e la produzione di 20 sistemi aerei di media altitudine e lunga durata e oltre 5 anni di supporto iniziale in servizio. 

L’European MALE RPAS offrirà capacità che vanno oltre lo stato dell’arte, in particolare in materia di sicurezza, sicurezza delle informazioni e nel campo dell’intelligence, della sorveglianza, dell’acquisizione di obiettivi e della ricognizione (ISTAR). La produzione del primo prototipo dovrebbe iniziare nel 2024.

Il Catalyst sarà realizzato in 120 esemplari per sessanta velivoli (ogni sistema avrà a disposizione tre velivoli più una stazione di controllo a terra principale ed una secondaria); inoltre Avio Aero curerà l’assistenza e la manutenzione dei Catalyst sulla base di un contratto di durata pluriennale.

Il motore Catalyst è realizzato con componenti stampate in 3D il che permette al propulsore una maggiore efficienza e sostenibilità nonché un minor peso, avendo un rapporto di pressione complessiva pari a 16:1, un consumo del carburante inferiore del 20% ed il 10% in più di potenza e carico utile nonché oltre tre ore in più di autonomia rispetto ad analoghi sistemi di propulsione.

Inoltre, il Catalyst è dotato di FADEC (Full Autorithy Digital Engine Control) che semplifica l’integrazione tra l’elica e l’avionica.

Foto Airbus Defence

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui