venerdì, Settembre 17, 2021

Aggiornamento per gli MQ-9 dell’Aeronautica Militare a Block 5

-

La General Atomics Aeronautical Systems (GA-ASI) ha ricevuto dall’Aeronautica Militare italiana il contratto per l’aggiornamento di metà vita dei velivoli a controllo remoto MQ-9 Reaper.

Il programma prevede l’aggiornamento dei Reaper da Block 1 a Block 5 e delle stazioni di controllo a terra (GCS – Ground Control Station).

Grazie a questo aggiornamento, gli MQ-9 potranno contare su una maggiore capacità di generazione elettrica, carrello d’atterraggio migliorato, radar multifunzione Lynx, sensori elettro-ottici di Raytheon, atterraggio automatico, migliori sistemi di comunicazione e capacità di combattimento.

Il Vice Presidente Regionale GA-ASI per l’Europa, Scott Smith, ha affermato: l’Aeronautica Militare italiana è da tempo leader nell’utilizzo di MQ-9 RPA per supportare un’ampia gamma di missioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) in Italia, nel Mediterraneo e a sostegno delle operazioni Nato. Questi miglioramenti danno alle forze italiane la possibilità di vedere meglio e più chiaramente che mai con i loro MQ-9 RPA e siamo orgogliosi di lavorare con l’ITAF per aggiornare la loro flotta.”

L’MQ-9 Block 5 ha effettuato il suo primo decollo e atterraggio automatico (ATLC – Automatic Takeoff and Landing Capability) il 7 agosto 2018, consentendo un miglioramento della sicurezza del volo in ogni condizione meteorologica.

I miglioramenti del Block 5 riguardano anche la capacità di trasporto ed integrazione di missili e bombe per i Servizi aerei che gestiscono Reaper armati.

Reaper e Aeronautica Militare

MQ-9A Predator B in volo

L’Aeronautica Militare opera attualmente una flotta di cinque MQ-9 Reaper rispetto ai sei consegnati tra il 2008 ed il 2009, a causa della perdita di un drone a novembre 2019 in Libia.

Nel anno 2020 i velivoli MQ-1C Predator A+ e MQ-9A Predator B in servizio con l’Aeronautica Militare hanno volato 7.100 ore, portando il totale di ore volate a ben 55.000.

L’anno 2020 rappresenta anche il massimo annuale delle ore volate dalle linee MQ-1e MQ-9 dell’Aeronautica Militare.

Il programma di aggiornamento e mantenimento dell’operatività degli MQ-9 prevede un onore complessivo di 343 milioni di euro in 14 anni.

Immagine di copertina: Aeronautica Militare – MQ-9A Predator B in volo

Ultime notizie

Il Ministro della Difesa della Repubblica Ceca, Lubomír Metnar, ha annunciato l'approvazione della richiesta per l'acquisto di 52 semoventi...
Il programma Unmanned Carrier Aviation (PMA-268) della Marina ha completato il suo primo rifornimento aereo di un aereo F-35C...
Leonardo e Northrop Grumman annunciano la loro intenzione di perseguire congiuntamente opportunità nel settore dei sistemi aerei senza equipaggio...
A distanza di poche ore la penisola coreana tornata agli onori delle cronache per nuovi lanci da parte di...

Da leggere

Altri sei Rafale per la Grecia

La Grecia ha ordinato un ulteriore lotto di sei...

Prosegue il programma di offset Polonia-USA per l’acquisto dei Patriot

Il coinvolgimento della Polonia nella produzione del missile antiaereo...