fbpx

Airbus lancia due progetti di ricerca e sviluppo del Fondo europeo per la difesa

Airbus ha lanciato due progetti di ricerca e sviluppo nel settore della difesa che sta coordinando nell’ambito del Fondo europeo per la difesa (EDF) 2021. Nel luglio 2022, la Commissione Europea ha selezionato, tra gli altri, otto progetti collaborativi di cui Airbus fa parte, che coprono diverse aree tecnologiche innovative. L’EDF promuove la cooperazione tra imprese europee e istituti di ricerca di diverse dimensioni e origine geografica nell’UE, rafforzando la resilienza e l’autonomia strategica dell’Europa.

Tra i 61 progetti collaborativi di R&T e R&S nel settore della difesa che sono stati selezionati e finanziati con 1,2 miliardi di euro, Airbus Defence and Space sta coordinando il progetto European Defense Operational Collaborative Cloud (EDOCC), mentre Airbus Helicopters sta coordinando il progetto EU Next Generation Rotorcraft Technologies (ENGRT ). I contratti per questi progetti sono stati firmati nel dicembre 2022.

EDOCC creerà una piattaforma virtuale per aumentare l’interoperabilità, l’efficienza e la resilienza delle operazioni militari, che rafforzerà i servizi di collaborazione sul campo di battaglia. Il progetto studierà, progetterà e convaliderà concettualmente la piattaforma virtuale e svilupperà la prima versione di un catalogo di servizi identificando standard e tecnologie appropriati per prestazioni elevate e interoperabilità.

ENGRT si concentrerà sull’analisi e la comprensione delle esigenze delle forze armate europee per le operazioni degli aerogiri oltre il 2030. I partner del progetto studieranno il concetto di operazioni degli aerogiri militari e definiranno le tecnologie chiave necessarie per i futuri aerogiri militari. Saranno esplorati concetti e architetture alternative di aeromobili ad ala rotante. Questo progetto aprirà la strada alla prossima generazione di aerogiri militari in Europa.

Airbus è anche partner in altri sei progetti multinazionali EDF e contribuirà con la sua esperienza nelle seguenti aree di ricerca e sviluppo: Collaborative Air Combat Standardization; Abitacolo migliorato; Forma d’onda protetta europea per SatCom; Intelligence sulle minacce informatiche; Tecnologie radar avanzate; e componenti di radiofrequenza avanzata.

L’obiettivo del Fondo europeo per la difesa è di stanziare 8 miliardi di euro fino al 2027.

Articolo precedente

Airbus lancia i progetti di ricerca e sviluppo del Fondo Europeo per la Difesa

Prossimo articolo

Al via lo sviluppo dei dimostratori del Liberty Lifter della DARPA

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Saab continua lo sviluppo del Gripen

Saab ha comunicato di aver ricevuto un ordine da Försvarets materielverk (FMV) l’Amministrazione svedese dei materiali di difesa per continuare a sostenere…

Ultime notizie