fbpx

Al via il progetto EuroHAPS per la dimostrazione di piattaforme stratosferiche

Thales Alenia Space, la joint venture tra Thales (67%) e Leonardo (33%), ha firmato un contratto da 43 milioni di euro per il progetto dimostrativo EuroHAPS (High-Altitude Platform Systems) e ne ha annuncia l’avvio. 

EuroHAPS è stato selezionato dalla Commissione Europea il 20 luglio 2022 dopo un bando per progetti collaborativi di ricerca e sviluppo della difesa da parte del Fondo europeo per la difesa (EDF).

Thales Alenia Space sta coordinando il consorzio europeo di 21 partner e 18 subappaltatori, provenienti da 11 Paesi che gestiscono il progetto. EuroHAPS mira a sviluppare diversi dimostratori stratosferici per missioni progettate per migliorare l’intelligence, la sorveglianza e la ricognizione (ISR) e le capacità di comunicazione. 

I principali partner del progetto sono CIRA, Elettronica e Leonardo dall’Italia, ONERA e CEA dalla Francia, INTA dalla Spagna ed ESG con TAO dalla Germania.

l progetto condurrà dimostrazioni di volo per tre tipi di piattaforme stratosferiche complementari:

  • uno Stratobus su scala ridotta di Thales Alenia Space, un dirigibile ad energia solare progettato per missioni di lunga durata e che offre una grande capacità di carico utile;
  • un dirigibile ibrido ad alta quota (HHAA o HAPS tattico) del CIRA, in grado di generare portanza extra con un profilo alare alare;
  • un sistema di palloni stratosferici autonomi (ASBaS) di ESG e TAO costituito da una serie di tre palloni controllabili in altitudine

Questi tre tipi di piattaforme sono complementari e presentano tempi operativi, capacità e restrizioni operative molto diversi. Offriranno all’Europa un’ampia gamma di soluzioni per soddisfare una varietà di requisiti diversi.

Queste piattaforme testeranno una serie di missioni, tra cui l’osservazione LIDAR per rilevare e classificare bersagli in mare od a terra, e per quest’ultima la capacità di rilevarli in ambienti con copertura vegetale. Saranno testate anche le missioni di COMmunications intelligence (COMINT) e di electronic intelligence (ELINT), nonché una rete di comunicazioni a banda larga a maglie per operatori aerei e terrestri.

EuroHAPS sta quindi rilanciando l’uso di sistemi di piattaforme ad alta quota per missioni governative e di difesa con il supporto di sei Ministeri della Difesa (Francia, Italia, Spagna, Germania, Ungheria e Repubblica Ceca), la Commissione europea, l’autorità regionale del Sud francese e la regione delle Isole Canarie, dove, oltre a quelli previsti in Sardegna (Italia), sono previsti alcuni voli dimostrativi dall’isola di Fuerteventura a partire dal 2024.

HAPS offre una nuova opportunità per integrare le risorse terrestri, satellitari od aeree con capacità uniche adattate ai requisiti operativi. La stratosfera è un dominio ampiamente ignorato fino ad ora che supporta missioni di lunghissima durata – fino ad un anno – ad altitudini relativamente basse (circa 20 km), offrendo così un’eccellente risoluzione per le missioni di osservazione e robusti budget di collegamento per le missioni di comunicazione.

Queste dimostrazioni di volo di HAPS consentiranno di dimostrare diverse piattaforme, affrontare i principali rischi tecnici associati a queste nuove tecnologie, perfezionando i requisiti operativi per consentire in definitiva lo sviluppo di futuri sistemi HAPS.

Vorremmo ringraziare tutti gli investitori istituzionali che contribuiscono a questo progetto per la loro fiducia e il loro supporto nel rendere questa dimostrazione una realtà”, ha dichiarato Hervé Derrey, CEO di Thales Alenia Space. “È senza dubbio una delle dimostrazioni più ambiziose mai intraprese e renderà l’Europa un pioniere in questo nuovo segmento aerospaziale“.

Stratobus è un dirigibile stratosferico non rigido gonfiato ad elio che mantiene la sua forma grazie alla pressione interna e dispone di un proprio sistema di propulsione elettrica completamente autonomo. Il concetto è stato ottimizzato attorno ad un dirigibile di circa 140 metri di lunghezza, azionato da quattro motori elettrici, con più di 1.000 metri quadrati di celle solari e la capacità di operare ad altitudini da 18 a 20 chilometri (da 11 a 12 miglia). L’obiettivo è trasportare carichi utili di 250 chilogrammi (550 libbre) valutati a 5 kilowatt. Durante la fase di sviluppo sono stati superati numerosi ostacoli tecnici, in particolare la maturazione dell’involucro del dirigibile e del concentratore solare flessibile, la tecnologia di strappo dell’involucro per gli aspetti di sicurezza ed il sistema di propulsione ad alta efficienza.

Fonte ed immagine @Thales Alenia Space

Articolo precedente

Bell Textron e Pratt & Whitney collaborano alla tecnologia di propulsione VTOL ad alta velocità

Prossimo articolo

Sistemi ATC di Leonardo per ottimizzare la gestione dello spazio aereo somalo

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie