domenica, Dicembre 4, 2022

Altri 400 milioni di aiuti militari statunitensi all’Ucraina

Il Dipartimento della Difesa (DoD) ha annunciato l’autorizzazione di un prelievo presidenziale dell’assistenza alla sicurezza del valore fino a 400 milioni di dollari per soddisfare le esigenze critiche di sicurezza e difesa dell’Ucraina. Questa autorizzazione è il ventiseiesimo prelievo di attrezzature dagli inventari del DoD per l’Ucraina da parte dell’amministrazione Biden dall’agosto 2021.

Le funzionalità di questo pacchetto includono:

• munizioni aggiuntive per i sistemi missilistici nazionali avanzati terra-aria (NASAMS);

• 150 mitragliatrici pesanti con mirini termici per contrastare gli Unmanned Aerial Systems (UAS);

• Munizioni aggiuntive per sistemi missilistici di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS);

• 200 colpi di artiglieria da 155 mm a guida di precisione;

• 10.000 colpi di mortaio da 120 mm;

• Missili antiradiazioni ad alta velocità (HARM);

• 150 veicoli ruotati multiruolo ad alta mobilità (HMMWV);

• Oltre 100 veicoli tattici leggeri;

• Oltre 20.000.000 di munizioni per armi leggere;

• Oltre 200 generatori;

• Parti di ricambio per obici da 105 mm ed altre attrezzature.

Con i continui e devastant attacchi missilistici ed UAS della Russia contro le infrastrutture energetiche critiche ucraine, ulteriori capacità di difesa aerea rimangono una priorità urgente. Le munizioni aggiuntive per la NASAMS e le mitragliatrici pesanti aiuteranno l’Ucraina a contrastare queste minacce urgenti. 

In totale, gli Stati Uniti hanno impegnato più di 19,7 miliardi di dollari in assistenza alla sicurezza in Ucraina dall’inizio dell’amministrazione Biden. Dal 2014, gli Stati Uniti hanno impegnato più di 21,8 miliardi di dollari in assistenza per la sicurezza all’Ucraina e più di 19 miliardi di dollari dall’inizio dell’invasione della Russia lo scorso 24 febbraio.

Per soddisfare i requisiti in evoluzione del campo di battaglia dell’Ucraina, gli Stati Uniti continueranno a lavorare con i propri Alleati e Paesi partner per fornire all’Ucraina capacità chiave.

Foto Raytheon/Kongsberg

CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI