lunedì, Ottobre 18, 2021

Altri OPV Viana do Castelo per la Marina Portoghese

-

Lo scorso 20 maggio, il Governo di Lisbona ha approvato una Risoluzione che autorizza l’acquisizione di sei nuovi Ocean Patrol Vessels (NPO), della classe «Viana do Castelo», destinati alle missioni della Marina Portoghese.

Questo progetto di nuove costruzioni costituisce un’opportunità per l’industria della Difesa, aumentando l’attività delle aziende portoghesi ed europee che forniscono prodotti, servizi e tecnologie dual uese per la Difesa.

La gestione del programma di acquisizione NPO, in collaborazione con la Marina Portoghese e la DGRDN, è affidata a IdD – Portugal Defense, SA

Il programma per l’acquisizione di sei nuove navi da pattugliamento oceanico è uno dei progetti di investimento previsti dalla Legge di programmazione militare 2019 e prevede lo stanziamento di 352 milioni di euro. 

I nuovi OPV saranno consegnati alla Marina tra il 2023 e il 2029.

Misura di stimolo all’economia

La predetta commessa sarà un importante stimolo per le industrie della difesa con i posti di lavoro qualificati, rappresenterà anche un importante contributo al Pil e all’export ed avrà un significativo effetto moltiplicatore per l’economia.

Compiti e missioni

I nuovi OPV , come i precedenti, sono destinati a controllare in via prioritaria lo spazio marittimo sotto la giurisdizione portoghese, ma hanno anche elevate capacità di duplice uso, per uso civile, cioè per ricerca e soccorso (SAR), per la vigilanza pesca, per combattere l’inquinamento, e contrastare il traffico di droga o altri traffici illeciti”.

L’acquisizione di sei nuovi OPV rafforzerà la capacità di pattugliamento ed ispezione, garantendo il controllo degli spazi marittimi sotto la sovranità e giurisdizione nazionale e l’adempimento degli impegni internazionali assunti dallo Stato portoghese, nell’ambito della salvaguardia della vita umana in mare e della ricerca e soccorso marittimo.

I primi quattro OPV, Viana do Castelo, Figueira da Foz, Sines e Setùbal sono entrati in servizio tra il 2011 ed il 2018.

Caratteristiche dei Viana do Castelo

I Viana do Castelo dislocano 1.750 tonnellate, sono lunghi 83 metri, larghi poco meno di 13 metri ed hanno un pescaggio di 3,7 metri. L’apparato propulsore è basato su due motori diesel da 3900 kW e due motori elettrici da 200 kW che lavorano su due assi con due eliche. La velocità massima raggiungibile è pari a 23 nodi con un’autonomia di circa 4.900 miglia nautiche a 15 nodi. L’equipaggio è di 44 uomini.

A livello di armamento gli OPV classe Viana do Castelo sono dotati di un impianto Leonardo MARLIN WS da 30 mm e di un paio di mitragliatrici pesanti 12,7x99mm . Le unità sono dotate di ponte di volo per le operazioni con elicottero Leonardo Super Lynx Mk 95.

Sono dotati di sistema raccolta e gestione delle informazioni, di un sistema di gestione della piattaforma, di un sistema di navigazione, un sistema di comunicazione integrato Radio MF / HF / VHF / UHF, compreso il terminale satellitare INMARS.

Ultime notizie

Il Generale e politico statunitense Colin Luther Powell, 65° Segretario di Stato degli Stati Uniti e 12° Capo di...
La scorsa domenica il Presidente Recep Tayyip Erdogan ha dichiarato che la Turchia ha ricevuto dagli Stati Uniti una...
La prima coppia di cacciabombardieri Eurofighter Typhoon allestiti in Italia da Leonardo per conto del emirato del Kuwait ha...
La flotta di AH-1 Firewatch "Cobra" dell'U.S Forest Service è stata pensionata a causa dell'aumento esponenziale dei costi di...

Da leggere

149° Anniversario della costituzione delle Truppe Alpine dell’Esercito Italiano; l’intervento del Sottosegretario Pucciarelli

149°Anniversario della costituzione delle Truppe Alpine dell’Esercito, Sottosegretario Pucciarelli:...

Lanciagranate multipli per le Forze Speciali olandesi

Il Ministero della Difesa dei Paesi Bassi ha comunicato...