fbpx

Altri settantotto Bushmaster per la Australian Defence Force

Il Governo di Canberra ha sottoscritto un contratto del valori di 160 milioni di dollari AUS con Thales Australia per la fornitura di ulteriori 78 veicoli protetti Bushmaster 4×4 per la Australian Defence Force.

Il veicolo Bushmasters continuerà ad essere prodotto a Bendigo, Victoria, con la prima consegna del nuovo lotto prevista nel 2024.

I Bushmaster sono parte integrante delle capacità militari australiane, sostenendo le attività di sicurezza e stabilizzazione, compresa l’assistenza umanitaria ed il soccorso in caso di calamità, sia in patria che all’estero.

Il Bushmaster è noto per le caratteristiche di design innovative che proteggono il suo equipaggio ed i passeggeri da mine antiuomo e altri ordigni esplosivi e dal fuoco di armi leggere, grazie alla forma del sottoscafo e per gli accorgimenti tecnici adottati all’interno del veicolo

Infatti, il Bushmaster adotta uno scafo a V per contenere gli effetti devastanti delle esplosioni sotto lo scafo, salvaguardando la sopravvivenza dell’equipaggio e dei militari trasportati.

Il veicolo, dotato di blindatura, ha un peso a pieno carico di 17 tonnellate ed è in grado di trasportare un carico utile pari a cinque tonnellate o fino 10 uomini (1+9).

Più di 1200 Bushmaster sono già stati prodotti presso lo stabilimento Thales di Bendigo e, oltre a dimostrarsi un veicolo salvavita per l’Australian Army nelle operazioni in Medio Oriente, sono stati esportati in otto nazioni tra cui Paesi Bassi, Regno Unito, Fiji , Giamaica, Nuova Zelanda, Giappone e Indonesia.

I nuovi Bushmaster per l’ADF ripristineranno la capacità della Australian Defence Force, dopo che l’Australia ha donato diversi Bushmaster al governo dell’Ucraina, in risposta all’aggressione dell’Ucraina da parte della Russia, insieme ad altri consistenti aiuti militari, sanitari ed economici.

Fonte Ministero della Difesa Australiano

Foto @Australian Army

Articolo precedente

Impegno da record per la Marina Militare

Prossimo articolo

Fucili Heckler & Koch 416 e 417 al Lussemburgo

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie