mercoledì, Gennaio 19, 2022

Altri 33 ACV 8X8 per l’USMC

-

BAE Systems Land & Armaments LP, Sterling Heights si è aggiudicata una modifica di poco inferiore 170 milioni di dollari al contratto a prezzo fisso precedentemente assegnato per la costruzione veicoli da combattimento anfibi (ACV). 

L’ACV 8X8 è la versione rivista per le esigenze del USMC del Veicolo Blindato Anfibio (VBA) 8X8 proposto da Iveco Defence Vehicle per le esigenze della Marina Militare Italiana e del Esercito Italiano.

Il progetto portato avanti da Iveco DV in partnership con BAE Systems è risultato vincitore dopo una durissima selezione volta ad individuare il sostituito degli AAV-7 e delle sue varianti attualmente in servizio.

Il valore totale del contratto, se tutte le opzioni fossero esercitate, sarà pari a 3,3 miliardi di dollari. 

Questa modifica prevede l’esercizio delle opzioni per l’approvvigionamento di 33 ACV di produzione a tariffa intera e produzione associata e costi di messa in campo e di supporto. 

I lavori saranno completati entro l’agosto 2023.

Attualmente il Corpo dei Marines prevede l’acquisto di quattro varianti del ACV 8×8:

(A) una variante trasporto personale che, oltre i tre membri dell’equipaggio, porta 13 marines ed equipaggiamento da combattimento e rifornimenti per due giorni;

(B) una variante di comando e controllo;

(C) una variante di recupero; 

(D) una variante di supporto al combattimento, armata di cannone/mitragliera da 30 mm. I marines intendono che l’ACV fornisca un’efficace mobilità terrestre e tattica sull’acqua (da nave a terra e da terra a terra), supporto di fuoco preciso e alti livelli di protezione della forza destinati a proteggere da esplosioni, frammentazione e minacce di energia.

Nel giugno 2018, l’ACV è entrato in Low-Rate Initial Production (LRIP) con BAE Systems selezionata per i primi 30 veicoli da consegnare nell’autunno 2019.

A novembre 2020, l’ACV ha raggiunto la capacità operativa iniziale (IOC). 

Nel dicembre 2020, secondo quanto riferito, il Corpo dei Marines ha preso una decisione di Full-Rate Production (FRP) dopo essere stata ritardata da settembre 2020 a causa di problemi relativi alla pandemia di coronavirus 2019.

L’attuale obiettivo di acquisizione pianificato di 632 ACV sostituirebbe gli AAV in servizio presso gli Assault Anphibian Battalions. Il precedente obiettivo di acquisizione di 1.122 ACV è stato ridotto in conformità con gli sforzi di modernizzazione del Marine Corps Force Design 2030.

L’ACV ha dimostrato la mobilità in acqua e la capacità di schierarsi autonomamente dalla spiaggia, attraversare la zona del surf, entrare nell’Oceano e imbarcarsi a bordo di navi anfibie. La compagnia di fucili di fanteria equipaggiata con l’ACV è stata in grado di schierarsi da navi anfibie, manovrare sulla spiaggia e condurre successive operazioni offensive e difensive a terra.

Alcuni problemi che ne hanno determinato la temporanea sospensione delle attività anfibie, per problematiche insorte in sede di prove, sono in via di risoluzione grazie ad una serie di provvedimenti di modifica, come il sistema di traino che è sottoposto a riprogettazione.

Foto USMC

Ultime notizie

La Royal Australian Air Force (RAAF) ha ricevuto la prima testata BLU-111 (AUS) B/B prodotta in Australia per le Guided...
La fregata FREMM Carlo Margottini della Marina Militare ha eseguito manovre navali insieme alle unità della Sesta Flotta dell'U.S....
Il Lockheed Martin Sikorsky-Boeing SB>1 DEFIANT ha completato con successo i voli di prova del profilo di missione FLRAA...
Le rotte seguite dagli aerei in Europa stanno diventando di giorno in giorno sempre più interessanti da analizzare.A causa...

Da leggere

La flotta di P-8 australiani danneggiata dal maltempo

Il Dipartimento della Difesa Australiano ha confermato che un...

Sistemi di camuffamento multispettrale Barracuda di Saab per la Francia

Saab ha firmato un contratto quadro per la fornitura...