sabato, Luglio 31, 2021

Annunciato il nome della terza FREMM US, sarà l’USS Chesapeake

-

Il Segretario per la Marina, Kenneth J. Braithwaite, ha annunciato che la terza fregata della classe USS Constellation sarà la USS Chesapeake (FFG-84).

Continua dunque la “tradizione” per quanto riguarda le nuove fregate dell’U.S. Navy, basate sul disegno delle FREMM italiane, a seguire le famose “sei fregate originali” autorizzate dal Congresso nel 1794 con un Naval Act che sarà la base della moderna Marina statunitense.

Le sei navi erano infatti: la United States, la Constellation, la Constitution, la Chesapeake, la Congress ed infine la President.

L’annuncio del Segretario per la Marina non a caso è avvenuto proprio a bordo della USS Constitution che è ormeggiata a Boston e detiene il primato della più vecchia nave al mondo ancora galleggiante (l’HMS Victory è più “anziana”ma è preservata in un bacino di carenaggio).

USS Chesapeake

L’USS Chesapeake, varata nel 1799, prende il suo nome dalla baia di Chesapeake dove il 5 settembre 1781 ebbe luogo l’omonima battaglia navale fondamentale per la Guerra di Indipendenza.

La parabola della storia della Chesapeake si può riassumere in partì fregata e finì come mulino a Wickham, Inghilterra.

Il varo avvenne durante la Quasi-Guerra con la Francia dove braccò per più di due giorni una nave corsara francese.

Un impiego maggiore avvenne durante la Prima Guerra barbaresca e la fregata salpò alla volta del Mediterraneo arrivando a Malta il 12 ottobre 1802 e ritornando negli Stati Uniti a giugno 1803.

L’USS Chesapeake, dopo un periodo di inattività, si preparò a salpare per il Mediterraneo per sostituire la USS Constitution. Nel reclutare l’equipaggio vennero assunti anche tre disertori dell’HMS Melampus che gli inglesi volevano “indietro” per processarli.

Dopo il rifiuto statunitense la fregata lasciò Norfolk ma venne avvicinata poco dopo dall’HMS Leopard alla ricerca di disertori.

See caption

Dopo l’ennesimo rifiuto del comandante statunitense la Leopard abbordò la Chesapeake sparando con i suoi cannoni. L’equipaggio della fregata americana era totalmente impreparato e sparò un solo colpo di cannone. Gli inglesi poterono dunque identificare quattro disertori ed uno di essi venne impiccato.

Il Comandante venne immediatamente rilevato dal suo incarico e sottoposto al giudizio della corte marziale per non aver preparato la nave al combattimento e venne sospeso dal servizio per cinque anni. Questo incidente aprì la strada all’Embargo del 1807.

See caption

Il successivo ed ultimo impiego operativo della nave avviene nella guerra anglo-americana del 1812 -15 dato che venne abbordata e catturata dalla HMS Shannon davanti al posto di Boston.

Pesantemente danneggiata dal combattimento l’ormai ex-USS Chesapeake arrivò ad Halifax, Nuova Scozia, dove iniziarono le riparazioni diventando una nave di Sua Maestà. Le prestazioni della nave non convinsero gli inglesi e nel 1819 venne messa in vendita ed acquistata da un demolitore di Portsmouth.

The Chesapeake Mill. The USS Chesapeake's timbers became a part of it.

Il legno venne acquistato per la costruzione di un mulino a Wickham nell’Hampshire che oggi è un negozio di antiquariato.

Nel corso della storia due diversi “pezzi” di legno originali sono ritornati negli Stati Uniti: una prima volta nel 1996 e un seconda volta nel 2020.

Immagini: Wikimedia e Fincantieri

Ultime notizie

Il 28 luglio l'Air Force ha condotto il suo secondo test di volo con l'ARRW AGM-183A.Sebbene non siano stati...
Il Ministero della Difesa Nazionale di Taiwan ha siglato un contratto con gli Stati Uniti per la fornitura di...
L'Esercito di Sua Maestà ha iniziato a preparare i carri armati Challenger 2 per il corposo aggiornamento previsto per...
L'Air Combat Command ha recentemente dichiarato la capacità operativa iniziale (IOC) per il Tactical Air Control Party (TACP) Mobile...

Da leggere

Il Vietnam riceve il secondo cutter ex USCG

La Guardia Costiera del Vietnam ha ricevuto il CSB...

Lanci da C-27J sulle Dolomiti per il 4° Reggimento Alpini “Ranger” [Foto]

Gli Alpini del 4° Reggimento paracadutisti "Ranger" hanno effettuato...