sabato, Ottobre 16, 2021

Assegnato il contratto per il programma di ammodernamento di mezza vita degli MQ-9A Predator B italiani

-

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha assegnato a General Atomics Aeronautical Systems Inc. o GA-ASI un contratto del valore di 30,5 milioni di dollari per provvedere al ammodernamento di mezza vita (Mid-Life Modernization o MLM) degli MQ-9A Block 5 Lot 1 e la Mobile Ground Control Station (MGCS) Block 30 in servizio con l’Aeronautica Militare Italiana.

MQ-9A Predator B in volo

Questo contratto rientra nei canali di vendita militari esteri o Foreign Military Sales e vede come stazione appaltante la Wright Patterson Air Force Base in Ohio che gestisce il programma.

I lavori relativi questo contratto saranno eseguiti negli Stati Uniti e dovrebbero essere completati entro la fine del mese di gennaio del 2023.

L’Aeronautica Militare Italiana ha provveduto ad ordinare un totale di sei MQ-9A Predator B in due tranche, rispettivamente quattro nel 2008 e due nel 2009. Uno di questi esemplari è andato perso nel 2019 sui cieli della Libia, per asseriti motivi tecnici, nel corso di una missione di sorveglianza.

Il programma Mid-Life Modernization (MLM) dell’Aeronautica Militare Italiana prevede aggiornamenti agli MQ-9 che li portereanno dalla configurazione Block 1 a quella del Block 5.

Il sistema Block 5 include una capacità di alimentazione elettrica notevolmente aumentata, un carrello di atterraggio migliorato e le ultime versioni dei sensori GA-ASI Lynx Multi-mode Radar e Raytheon Electro-Optical.

Da parte sua l’Aeronautica Militare impiega da tempo gli MQ-9 RPA per supportare un’ampia gamma di missioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) in Italia, nel Mediterraneo ed a supporto delle operazioni della NATO.

Inoltre, il DPP (Documento Programmatico Pluriennale) 2021-2023 prevede che gli MQ-9A in servizio con il 32° Stormo potranno ricevere armamenti per eseguire attacchi di precisione a favore delle forze italiane ed alleate nei Teatri Operativi. Infatti, il DDP 2021-23 indica che “il velivolo garantirà incrementati livelli sicurezza e protezione nell’ambito di missioni di scorta convogli, rendendo disponibile una flessibile capacità di difesa esprimibile dall’aria. Introdurrà, inoltre, una nuova opzione di protezione sia diretta alle forze sul terreno che a vantaggio di dispositivi aerei durante operazioni ad elevata intensità/valenza“.

Questo programma pluriennale ha un fabbisogno complessivo di 168 milioni di euro, con i primi nove milioni di euro stanziati nel trienno 21-23 di riferimento del DPP.

Foto Aeronautica Militare Italiana e General Atomics Aeronautical Systems Inc.

Ultime notizie

Naval Group ha consegnato alla Marina Argentina il terzo pattugliatore oceanico l'OPV A.R.A. Storni.La nave, come la precedente...
L'U.S. Army Sentinel A4 Program Office ha assegnato un contratto con procedura velocizzata a Lockheed Martin per iniziare la...
Il cantiere navale francese OCEA ha confermato l'ordine da parte della Marina della Nigeria per una seconda unità idrografica.La...
Russia e Cina hanno pesantemente criticato la nuova alleanza tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia (AUKUS) affermando che...

Da leggere

Thales Australia per il supporto dei siluri leggeri MU90 della RAN

Thales Australia accoglie con favore l'annuncio da parte del...

HENSOLDT sviluppa Kalaetron Attack un jammer multifunzionale per contrastare nuove minacce

Il fornitore di soluzioni di sensori HENSOLDT ha compiuto...