fbpx

BAE Systems selezionata per sviluppare un prototipo del segmento terrestre del sistema di allarme missilistico della US Space Force

BAE Systems è stata selezionata dallo Space Systems Command (SSC) Space Enterprise Consortium (SpEC) per fornire un prototipo del segmento terrestre per il progetto SSC Future Operationally Resilient Ground Evolution Command and Control (FORGE C2) della US Space Force.

L’obiettivo del progetto FORGE C2 è quello di evolvere l’attuale architettura di terra, sfruttando tecnologie ed approcci architettonici più recenti. 

BAE Systems integrerà capacità comprovate in un prototipo di sistema di terra che consentirà alla Forza Spaziale di fornire capacità di comando e controllo per i sistemi GEO (NGG) Overhead Persistent Infrared (OPIR) di prossima generazione e OPIR Polar (NGP) di prossima generazione, nonché consentendo la transizione delle risorse legacy Space Based Infrared System (SBIRS).

FORGE C2 integrerà funzionalità quali telemetria, tracciamento, comando, dinamica di volo, gestione della missione e gestione delle risorse di terra in un quadro consolidato. Questo quadro faciliterà la rapida integrazione delle risorse di prossima generazione non appena saranno online e consentirà un’unica capacità in grado di gestire l’attuale e futura costellazione OPIR, riducendo così i costi operativi.

La capacità della Space Force di rilevare e tracciare in modo accurato ed efficiente i lanci missilistici è della massima importanza per la capacità della nostra nazione di difendersi da queste crescenti minacce alla sicurezza nazionale“, ha affermato Don Speranzini, vicepresidente e direttore generale di Ground Systems & Services per BAE Systems Space & Mission Systems. “Siamo fiduciosi che il nostro approccio innovativo a FORGE C2 fornirà la migliore soluzione per supportare il futuro di questo programma vitale”.

BAE Systems è stata una delle quattro aziende selezionate per partecipare alla Fase 1 del progetto, che è incentrata sull’integrazione e sulla dimostrazione delle capacità del prototipo. Una volta completato, uno o più progetti saranno scelti per ulteriore sviluppo e test a supporto del primo lancio del satellite polare OPIR di nuova generazione attualmente previsto per il 2028.

Fonte BAE Systems

Foto @US Space Force

Latest from Blog

Ultime notizie