fbpx

BAE Systems sviluppa tecnologia autonoma per il riconoscimento automatico del bersaglio

L’Air Force Research Laboratory (AFRL) ha assegnato a BAE Systems un contratto da 7,8 milioni di dollari per lo sviluppo di un software di apprendimento automatico strettamente integrato nell’ambito del programma META (Multi-Sensor Exploitation for Tactical Autonomy). Questa tecnologia consentirà una consapevolezza situazionale avanzata e il riconoscimento automatico del bersaglio (ATR).

Secondo i termini del premio, l’ organizzazione di ricerca e sviluppo FAST Labs™ di BAE Systems fornirà l’apprendimento e lo sfruttamento geospaziale adattivo all’ambiente, una suite innovativa di algoritmi di apprendimento automatico e fusione.

Il sistema integra molteplici elementi dell’ampio portafoglio di autonomia dell’azienda per fornire rilevamento, tracciamento, identificazione e comprensione delle intenzioni di alta affidabilità per bersagli mobili critici in ambienti contesi, inclusi bersagli mimetizzati, occultati e ingannevoli.”Con l’aggiunta dell’elaborazione adattiva all’ambiente, questa soluzione colma una lacuna critica nell’apprendimento automatico”, ha affermato Mark Kolba, responsabile del programma per i FAST Labs di BAE Systems.

“Fornire consapevolezza della situazione locale e un contesto simile a quello umano delle condizioni ambientali ridurrà notevolmente i falsi allarmi”.

BAE Systems sviluppa capacità autonome di sfruttamento dei dati per sistemi e sensori per un potenziale utilizzo nelle operazioni militari statunitensi nei domini aerei e spaziali. Il programma si basa sul successo della tecnologia Multi-intelligence ATR for Geospatial Intelligence Capabilities dell’azienda, sviluppata con successo attraverso il programma Study of Emerging Exploitation Developments di AFRL.

Articolo precedente

Raytheon Intelligence & Space dimostra capacità critiche di comando e controllo congiunte per tutti i domini per le forze armate statunitensi

Prossimo articolo

La Svezia ordina due velivoli Saab GlobalEye AEW&C

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie