sabato, Ottobre 16, 2021

BARAK MX per le corvette israeliane Sa’ar 6

-

Israel Aerospace Industries (IAI) sta integrando sistemi offensivi e difensivi, per migliorare le capacità delle corvette classe “Sa’ar 6” e inaugurare per la Marina Israeliana una nuova era tecnologica, sotto la guida del Ministero della Difesa israeliano (IMoD) e delle IDF.

Infatti, IAI sta provvedendo ad installare a bordo delle quattro corvette del tipo Sa’ar 6, costruite in Germania e, recentemente, trasferite ad Haifa in Israele per l’allestimento delle suite elettroniche, di combattimento e del armamento, il nuovo missile intercettore BARAK MX ADS ed i relativi sensori.

I Barak MX saranno impiegati per proteggere la zona economica esclusiva (ZEE) di Israele e le strutture strategiche che affrontano minacce diversificate nell’arena marina.

Il sistema di difesa aerea e missilistica BARAK MX fornisce capacità di difesa integrata sia su vasta area che mirate a una serie di minacce simultanee, tra cui: terra, aria e mare. Il sistema aggrega diversi sistemi chiave all’avanguardia: radar digitale, sistema di controllo delle armi, lanciatori e una gamma di intercettori per diverse distanze con dispositivi di homing avanzati, comunicazione con collegamento dati e connettività a livello di sistema.

Sulle nuove corvette multiruolo classe Sa’ar 6 è in via di installazione il BARAK Weapon Control System (WCS), che crea e gestisce un’immagine aerea multisensoriale unificata, coordina le reti di operazioni di forza e gestisce gli array di lancio.

Sviluppata da IAI, la famiglia BARAK comprende vari intercettori, con raggio d’azione che varia dai 35 km della versione MRAD, con un motore a razzo a impulso singolo ai 70 km della versione LRAD  con motore a razzo a doppio impulso, fino ai 150 km nella versione ER con capacità TBM (missili tattici balistici) migliorate dotato di motore a razzo a doppio impulso e un booster aggiuntivo, e combina la capacità di intercettare varie minacce di difesa aerea da piattaforme navali e terrestri.

Il missile BARAK MX, a seconda della versione, può intercettare bersagli che volano ad altitudini comprese tra i 20 ed i 30 km e sono in grado di manovrare fino a 50g.

Gli intercettori BARAK hanno tutti capacità di lancio verticale (ogni lanciatore comprende otto missili) e permettono alle unità navali sui cui sono installati una copertura a 360°, tempi rapidi di reazione, capacità di ingaggiare bersagli a distanze minime e sono dotati di un cercatore RF attivo di fascia alta per bersagli con sezioni trasversali radar ridotte e che volano a bassa quota.

Fonte ed immagini Israel Aerospace Industries (IAI)

Ultime notizie

Naval Group ha consegnato alla Marina Argentina il terzo pattugliatore oceanico l'OPV A.R.A. Storni.La nave, come la precedente...
L'U.S. Army Sentinel A4 Program Office ha assegnato un contratto con procedura velocizzata a Lockheed Martin per iniziare la...
Il cantiere navale francese OCEA ha confermato l'ordine da parte della Marina della Nigeria per una seconda unità idrografica.La...
Russia e Cina hanno pesantemente criticato la nuova alleanza tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia (AUKUS) affermando che...

Da leggere

HENSOLDT sviluppa Kalaetron Attack un jammer multifunzionale per contrastare nuove minacce

Il fornitore di soluzioni di sensori HENSOLDT ha compiuto...

La Russia schiera il primo reggimento di missili S-500 per la difesa di Mosca

La TASS riporta la notizia che è un primo...