domenica, Giugno 20, 2021

Bombardieri russi Tu-22M3 in Siria

-

Una squadriglia formata da tre bombardieri Tu-22M3, Backfire-C” per la NATO, dell’aeronautica russa è atterrata lo scorso ​​24 maggio nella base russa di Humayimim in Siria. 

Trattasi del primo dispiegamento operativo dei Backfire in Siria. Infatti, i Backfire sui cieli siriani, fino ad oggi, hanno sempre operato proveniendo direttamente dalle basi site in Russia.

E’ probabile che la presenza dei bombardieri russi in Siria sia correlata anche alla missione operativa attraverso il Mar Mediterraneo intrapresa dal Carrier Strike Group 21 a guida britannica, oltre in funzione anti NATO, ripristinando le attività aeronavali nel Mediterraneo che all’epoca erano svolte dall’Unione Sovietica.

Il Backfire C è la versione ammodernata del TU-22M e dispone di un sistema avionico migliorato, con nuovo radar, sistema del controllo di volo completamente digitale, nuovi sistemi di comunicazione e navigazione, sistema di gestione dell’armamento migliorato ed autonomia aumentata.

ll bombardiere può essere armato con il missile standoff Kh-32.

Da notare che la base di Humayimim è stata recentemente sottoposta a lavori di ristrutturazione con allungamento e rifacimento delle piste. Ora è in grado di ospitare ed operare qualsiasi aereo russo, compresi i Tu-95 ed i TU-160 “Blackjack”.

insieme alla base navale di Tartus, la cui concessione di recente è stata rinnovata per i prossimi novantanove anni con il governo di Damasco, la base aerea di Humayimim rappresenta la volontà russa di mantenere una presenza aeronavale permanente nel Mar Mediterraneo.

Peraltro, Mosca non demorde dall’idea di ottenere altre basi nel bacino ed ha colloqui in atto in tal senso con l’Algeria.

Da segnalare che recentemente sembrano essere naufragati i progetti russi di aprire una base navale nel Mar Rosso, in Sudan, a causa del ripensamento del governo di Khartoum in un primo tempo favorevole a concedere l’autorizzazione necessaria.

foto via social network

Ultime notizie

Settembre 2021 data limite a Naval Group per il programma australiano

La lunga discussione tra Naval Group e l'Australia sul programma dei battelli classe Attack si sta prolungando ormai da...

Costano care al Giappone le parti di rispetto del KC-46

Una brutta sorpresa ha ricevuto il Governo Giapponese allorquando Boeing, costruttrice del velivolo da rifornimento in volo e trasporto...

Missili a lunga gittata a Taiwan per 1,75 miliardi di dollari

Secondo quanto ha potuto apprendere Janes, il Ministero della Difesa della Repubblica di Cina ha siglato due contratti con...

L’Australia ammoderna tutti i sottomarini Collins in attesa degli Attack

Il Governo di Canberra, a fronte dei ritardi fin qui registrati dal programma per i nuovi sottomarini diesel/elettrici classe...

Da leggere

La NSPA ha consegnato all’Italia il primo di diciotto ospedali da campo

La NATO Support and Procurement Agency (NSPA) consegnerà 18...

Oto 76/62 per una LPD della Marina filippina

La Marina Filippina potrebbe ricevere un cannone Oto Melara...