Capacità operativa iniziale per il CMV-22B Osprey dell’USN

0
150
201120-N-SS900-1741 PACIFIC OCEAN (Nov. 20, 2020) A CMV-22B Osprey from the “Titans” of Fleet Logistics Multi-Mission Squadron (VRM) 30 lands on the flight deck of Nimitz-class nuclear aircraft carrier USS Carl Vinson (CVN 70). This evolution marked the first time the Navy’s CMV-22B Ospreys have landed on a carrier. Vinson is currently underway conducting routine maritime operations. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 3rd Class Aaron T. Smith)

La Marina statunitense ha annunciato il raggiungimento della capacità operativa iniziale (IOC) per il CMV-22B Osprey, confermando la prontezza operativa della piattaforma dopo il completamento con successo del suo primo dispiegamento.

“Il primo dispiegamento del CMV-22 con Carrier Air Wing (CVW) 2 e il team [USS Carl] Vinson (CVN 70) è un successo operativo”, ha affermato il contrammiraglio Andrew Loiselle, Direttore, Divisione Guerra Aerea, N98, Ufficio del Capo delle Operazioni Navali. “Mentre continuiamo a fornire le piattaforme avanzate che costituiranno l’Air Wing of the Future, il CMV-22B fornisce il supporto necessario per trasportare la nostra forza futura”.

Il raggiungimento della IOC segna una pietra miliare nella progettazione, sviluppo, acquisizione e collaudo del CMV-22B e ne conferma la disponibilità a soddisfare le esigenze della missione Carrier Onboard Delivery (COD) della Marina. 

L’aereo trasporta personale, posta, rifornimenti e merci dalle basi costiere alle portaerei in mare sostituendo il C-2A Greyhound.

“La IOC è più di un timbro di approvazione”, ha affermato il colonnello del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Brian Taylor, responsabile del programma congiunto V-22. “È un voto di fiducia da parte della massima leadership della Marina che la progettazione, i test e la produzione di questo velivolo soddisfino le esigenze logistiche delle ali aeree del vettore designate per pilotare il CMV-22B”.

Il Fleet Logistics Multi-Mission Squadron (VRM) 30 si è imbarcato sulla USS Carl Vinson (CVN 70) insieme a F-35C Lightning II ed E-2D Advanced Hawkeye raggiungendo un tasso di completamento della missione del 98% e un tasso di capacità di missione del 75%. Il CMV-22B è un elemento cruciale dei futuri vettori aerei grazie alla capacità di carico necessaria per il trasporto dei motori dell’F-35 e supporto logistico aggiuntivo per dispiegamenti di vettori aerei con piattaforme di prossima generazione.

Questo aereo è passato dal primo volo al primo dispiegamento in 19 mesi; un’impresa possibile grazie alla dedizione delle comunità di acquisizione, ingegneria, test e operazioni della Marina, nonché dell’industria, che lavorano tutte in tandem, verso un obiettivo comune”, ha affermato Taylor.

Con il 50% in più di carburante interno rispetto alla variante Osprey del Corpo dei Marines, il CMV-22B può trasportare fino a 6.000 libbre di carico e personale su un raggio di 1.150 miglia nautiche. La Marina ha ridisegnato i serbatoi del carburante e ha aggiunto due serbatoi del carburante alari per aggiungere capacità ed estendere l’autonomia di volo.

“Man mano che i nostri aerei da combattimento/attacco e sorveglianza si espandono sia in termini di capacità che di dimensioni per estendere la portata dell’ala aerea della portaerei, dobbiamo anche evolvere i nostri aerei di supporto, in tandem, per fornire quelle piattaforme. Il CMV-22B trasporterà merci e personale per equipaggiare i gruppi d’attacco delle portaerei mentre continuiamo a soddisfare le esigenze delle nostre missioni in tutto il mondo”, ha affermato Taylor.

Il programma continuerà a perfezionare e testare le capacità dell’aeromobile, rispondendo alle esigenze agili della flotta. Ad oggi, Bell Boeing ha consegnato 14 aeromobili di cui 44 sotto contratto e piena capacità operativa prevista nel 2023.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui