fbpx

Come Lockheed Martin e Airbus tentano la Svizzera su F-35 e Eurofighter

Una grande battaglia in campo neutro si combatterà in Svizzera fino a quando il governo federale non deciderà con quale velivolo sostituire l’attuale flotta di 40 Boeing F/A-18.

La contesa vede i maggiori gruppi industriali al mondo sfidarsi a colpi di offset industriali e opportunità per le aziende elvetiche di acquisire importante know how.

Eurofighter Typhoon

L’ambasciatore tedesco a Berna ha prospettato per la Svizzera la possibilità di formare assieme a Germania ed Italia una sorta di dispositivo di difesa aerea congiunto lungo i confini dei tre paesi.

Airbus ha offerto l’assemblaggio di tutti gli Eurofighter presso una società partner in Svizzera (attualmente non conosciuta) arrivando quasi a “superare” quanto richiesto dagli stessi elvetici.

Il gruppo europeo è inoltre fiducioso di aggiudicarsi il contratto dopo che la Germania, con il programma Quadriga, ha acquistato 38 Eurofighter per 6,5 miliardi di dollari

Lockheed Martin F-35

La Lockheed Martin (LM) non è stata certo a guardare e nella sua offerta di 36 F-35A più quattro in opzione ha introdotto offset industriali molto importanti.

Il colosso americano ha offerto alla Svizzera l’opportunità di produrre localmente 400 cupolini e trasparenti per l’F-35 andando a creare un hub europeo per la manutenzione, riparazione e revisione di tutti quelli europei.

Per quanto riguarda l’autonomia logistica l’Aeronautica svizzera potrà contare su appositi programmi per la manutenzione dei motori e delle parti strutturali degli aerei.

In più la proposta statunitense prevede l’apertura di un centro d’eccellenza nell’ambito cibernetico con la creazione di una rete per lo scambio dei dati svizzero e la possibilità per le aziende locali di testare le proprie capacità cyber in un ambiente sicuro.

Diversamente da quanto affermato da Airbus con l’Eurofighter la LM offre “solamente” l’assemblaggio di 4 aerei presso le già esistenti strutture della RUAG a Emmen “trasferendo” gli attuali tecnici che lavorano sull’F/A-18.

Super Hornet e Rafale

L’offerta di Boeing con gli F/A-18 Super Hornet che assicurerebbe una continuità logistico/operativa con la flotta esistente.

Lato Francia invece, come descritto da DefenseNews, la Dassault non ha ancora rivelato quali siano gli offset industriali o eventuali trasferimenti di tecnologie.

Per approfondire: In Svizzera passa per un soffio il referendum sul nuovo caccia, La Svizzera prepara un secondo referendum per i nuovi caccia, Prorogato il termine per la presentazione delle offerte finali per il nuovo caccia svizzero, Tornano in volo gli F-18 svizzeri, Le proposte USA per la Svizzera: 40 F-35A per 6,5 miliardi o 40 F/A-18 per 7,4 miliardi

Il comunicato stampa di Lockheed Martin: qui

Il sito web di Lockheed Martin per l’offerta alla Svizzera: qui

Il sito web di Airbus per l’offerta alla Svizzera: qui

Articolo precedente

Missili HELLFIRE per le LCS dell’US Navy

Prossimo articolo

Consegnato da Embaer alla FAB il primo E-99 AEW&C ammodernato

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Saab continua lo sviluppo del Gripen

Saab ha comunicato di aver ricevuto un ordine da Försvarets materielverk (FMV) l’Amministrazione svedese dei materiali di difesa per continuare a sostenere…

Ultime notizie