fbpx

Commissionato il JS Jingei dalla Marina Giapponese

E’ stato commissionato dalla Marina Giapponese (Japan Maritime Self-Defense Force o JMSDF) il nuovo sottomarino JS Jingei (SS-515) appartenente alla classe Taigei.

Il JS Jingei è il terzo sottomarino della classe Taigei; la sua costruzione è stata intrapresa dalla Mitsubishi Heavy Industries nell’ottobre del 2022. Come i due precedenti battelli Taigei e Hakugei anche il Jingei è dotato di due motori diesel Kawasaki 12V25/25SB; invece, dal quarto battello, il Raigei, si procederà ad installare motori diesel Kawasaki 12V25/31 più efficienti.

I battelli classe Taigei sono derivati dalla precedente classe Soryu di cui rappresentano un affinamento e miglioramento prestazionale; infatti, i Taiegi impiegano le batterie agli ioni di litio messe a punto dall’industria giapponese al posto del sistema AIP 4V-275R Mk III presente su una decina di battelli classe Soryu.

Ulteriori miglioramenti rispetto alla classe Soryu sono stati apportati al sonar integrato Oki ZQQ-8,  al sistema di combattimento ZQX-12 accoppiato al sottosistema di elaborazione delle informazioni OYX-1, allo scafo esterno ricorrendo all’impiego di materiali fono assorbenti di nuovo tipo ed alla protezione del sottomarini con l’adozione di un nuovo sistema di contromisure anti siluro.

La componente sottomarina giapponese è stata recentemente ristrutturata con la 11a Divisione Sottomarina, recentemente organizzata con l’assegnazione del JS Taigei, l’unità capoclasse dei nuovi battelli, come sottomarino dedicato a banco di prova; ciò migliorerà l’efficienza del miglioramento delle capacità ed accelererà il rafforzamento delle capacità di deterrenza e di risposta del dominio sottomarino della JMSDF.

Il Taigei è impiegato a Yokosuka come sottomarino sperimentale e per esperienze per eseguire le prove relative le tecnologie sottomarine che saranno impiegate dalla JMSDF. 

Caratteristiche ed armamento

I sottomarini classe Taigei sono progettati per condurre operazioni oceaniche e dislocano attorno le 3.000 tonnellate in superficie, hanno una lunghezza di 84 metri, un diametro di 9,1 metri ed hanno un pescaggio di 10,4 metri.

Questi sottomarini sono condotti da equipaggi di 70 uomini e donne per le quali sono previsti appositi ambienti e sono armati con sei lanciasiluri HU-606 21 per ordigni Type 18 da 533 mm; possono essere imbarcati anche missili antinave a cambiamento d’ambiente Sub Harpoon Block II.

Secondo i recenti piani del Governo di Tokyo, questi battelli potrebbero essere armati con missili da crociera derivati dai missili antinave Type 12; questi missili dovrebbero avere una portata di 1.000 km ed essere impiegabili dai tubi di lancio dei siluri.

Allo studio della Difesa Giapponese vi è anche il possibile impiego di missili per attacchi a lungo raggio di precisione BGM-109 Tomahawk di cui il Governo di Tokyo ha recentemente stipulato con gli Stati Uniti il relativo contratto di acquisto di 200 Block IV e 200 Block V.

Foto @Japan Maritime Self-Defense Force

Articolo precedente

Prove di successo per gli Extended Range GMLRS

Prossimo articolo

Veicoli leggeri da ricognizione LOTR KLESZCZ per l’Esercito Polacco

Latest from Blog

M-346FA alla Nigeria

L’Aeroanutica della Nigeria (Nigerian Air Force o NAF) ha confermato ufficialmente che riceverà 24 caccia bombardieri leggeri/addestratori avanzati M-346FA prodotti da Leonardo…

Ultime notizie