domenica, Dicembre 5, 2021

Conclusa l’esercitazione SIO 2021

-

Sperimentazione Tecnico-Tattica per verificare lo sviluppo delle capacità tecnico-operative dei sistemi/piattaforme/equipaggiamenti del Programma “Forza NEC”.

La Brigata “Pinerolo” ha concluso ieri, dopo oltre 4 settimane di intense attività sul terreno del Poligono Militare di “Torre Veneri” a Lecce, alla presenza del Generale di Corpo d’Armata Giovanni Fungo, Comandante delle Forze Operative Terrestri e Comando Operativo Esercito, la Sessione di Integrazione Operativa (SIO) 2021, nell’ambito della Campagna di Sperimentazione del progetto Forza NEC (Network Enabled Capability).

Il progetto congiunto Difesa-Industria, denominato Forza NEC, si prefigge lo scopo di abbattere i tempi di comunicazione e di acquisizione delle informazioni nelle operazioni militari per mezzo di nuove tecnologie informatiche.


L’esercitazione, svolta sotto il coordinamento dello Stato Maggiore dell’Esercito, è stata condotta dalla Brigata “Pinerolo” integrata da assetti specialistici provenienti da altri Reparti della Forza Armata e ha avuto anche l’obiettivo di sviluppare le capacità dell’Esercito nella dimensione interforze.

Dopo un punto di situazione sul progetto Forza NEC e sulla Sessione di Integrazione in corso tenuti rispettivamente da parte del Capo del IV Reparto Logistico dello Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Divisione Maurizio Riccò, e dal Comandante della Brigata Pinerolo, Generale di Brigata Luciano Antoci, il Generale Fungo ha visitato i posti comando digitalizzati, schierati nel poligono leccese.

Nel corso della Sessione di Integrazione Operativa, la sinergia tra i sistemi e i mezzi ha permesso di ottenere un flusso di comunicazioni tra Posti Comando Digitalizzati (navigazione geolocalizzata, messaggi formattati, gestione dell’osservazione, identificazione e ingaggio dei bersagli), con la conseguente conoscenza in tempo reale della situazione tattica amica e nemica.

Per la prima volta in una SIO, grazie alla presenza di assetti specializzati nella guerra elettronica e nella sicurezza cibernetica, è stato possibile testare la resilienza dei sistemi di comando e controllo, degli apparati radio e dei sistemi di geolocalizzazione a queste tipologie di attacco.

Tra i principali sistemi di nuova generazione testati è stato verificato il livello di maturità del Posto Comando digitalizzato su tenda, del Posto Comando tattico su Veicolo Tattico Medio Multiruolo (VTMM) “ORSO”, del Veicolo Tattico Leggero Multiruolo (VTLM) “LINCE” 2, l’ultima versione del Sistema di Comando Controllo e Navigazione (SICCONA) installato su Veicolo Blindato Medio Freccia (VBM) e sulla la nuovissima Blindo Centauro 2, nonché il sistema di Comando Controllo e Navigazione (C2D/N) EVO installato su VBM Freccia.

Inoltre sono stati testati il TCCK (Targeting and Communication Command Kit), soluzione progettata per la gestione del campo di battaglia da parte degli operatori JTAC (Joint Terminal Attack Controller) e degli osservatori JFO (Joint Forward Observer), l’aeromobile a pilotaggio remoto STRIX in grado di fornire la sorveglianza aerea anche di ambienti urbani e in tutte le condizioni di luce e il Veicolo Blindato da Ricognizione (VBR) CBRN, mezzo blindato per la ricognizione specialistica in ambienti caratterizzati da rischio chimico, biologico, radiologico e nucleare.

L’attività ha consentito di acquisire un’effettiva capacità di operare in modo completamente digitalizzato, utilizzando i sistemi di comando e controllo, mezzi tattici nonché equipaggiamenti individuali in un contesto warfighting.

I programmi VTLM NEC Lince 2 e Centauro 2

L’Esercito Italiano ha formalizzato un primo ordine per 34 VTLM NEC Lince 2 su un requisito complessivo di 165 veicoli allestiti in questa particolare versione. I primi 16 esemplari sono stati consegnati lo scorso gennaio.

I VTLM Lince 2 è equipaggiato con predisposizioni per l’integrazione sul veicolo degli apparati CIS in fase di sviluppo nell’ambito del programma VTML 2 NEC. Tra gli altri equipaggiamenti, i Lince 2 NEC sono dotati di Ralla Motorizzata Protetta RMP2, radio Harris AN/PRC-152A, AN/PRC117G, AN/PRC-160, tablet XPLORE, interfono Larimart UIS-379D e disturbatore Guardian H3 con filtri.

Per quanto riguarda il programma Centauro 2, l’Esercito Italiano ha un requisito complessivo di 150 veicoli da combattimento. Al momento, sono stati contrattualizzati un totale di 96 veicoli con opzione per l’allestimento di altri 10 veicoli.

La Centauro II si caratterizza per l’adozione di un cannone 120/45 mm ad anima liscia per garantire alte prestazioni sulle lunghe distanze abbinato ad un sistema di caricamento semi automatico, nuovo motore da 750 hp, un adeguato livello di protezione balistica, antimina ed anti IED, l’adozione di sistemi di puntamento di terza generazione e di sistemi di Comando e Controllo allo stato dell’arte.

Fonte e foto Esercito Italiano – Comando Forze Operative Sud

Ultime notizie

Gli F-35A dell'Aeronautica Militare italiana hanno lasciato la Baltic Air Policing (BAP) venendo sostituiti dagli F-16 della Luchtcomponent.Il cambio...
Le Commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole al programma pluriennale di ammodernamento e rinnovamento...
Le Forze Armate Serbe acquisteranno nuovi sistemi di difesa aerea Pantsir-S2 di fabbricazione russa. Questo è quanto annunciato dal Ministro...
La Defense Logistics Agency (DLA) ha stipulato un'opzione contrattuale da 316 milioni di dollari per i moduli GPS (M-Code...

Da leggere

Contratto per la manutenzione dei motori F135 degli F-35 Joint Strike Fighter

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti ha conferito...

Accordo intergovernativo per gli elicotteri AW-169 all’Austria

Nel settembre del 2020 il Ministero della Difesa della...