Consegnati il sesto e settimo A330 MRTT alla flotta multinazionale NATO

0
129

Sono stati consegnati il sesto e il settimo aeromobile Airbus A330 Multi Role Tanker Transport (MRTT) alla flotta multinazionale MRTT (MMF), presso la base operativa principale ad Eindhoven nei Paesi Bassi.

La proprietà dei detti velivoli è stata trasferita da Airbus Defence and Space ad OCCAR per conto della NATO Support and Procurement Agency (NSPA), che gestisce la flotta per le nazioni del programma MMF.

La consegna del settimo aeromobile rappresenta l’ultimo importante traguardo di consegna sotto la gestione di OCCAR, poiché l’accordo di cooperazione tra OCCAR e NSPA andrà in scadenza il prossimo 31 dicembre 2022.

La cooperazione tra OCCAR e NSPA nel programma A330 MRTT (MMF) è durata otto anni ed è stata caratterizzata da completo successo.

Il settimo aeromobile è l’ultima consegna della prima tranche di acquisizione; infatti, è prevista la consegna di una nuova coppia di velivoli entro la fine del 2024. Peraltro, visto il successo dell’iniziativa e la crescente richiesta di tali assetti strategici è prevedibile che la flotta MRTT possa essere ampliata nel prossimo futuro con l’acquisizione di ulteriori velivoli per far fronte alle esigenze dei Paesi partecipanti al programma, a quelle della NATO e della UE.

La flotta multinazionale MRTT raggiungerà presto la capacità operativa iniziale (IOC), con una flotta di sette aeromobili, pronta a fornire alle sue sei nazioni partecipanti trasporti strategici a lungo raggio di personale e merci, rifornimento aria-aria e capacità di evacuazione aeromedica.

Avviata dall’Agenzia europea per la difesa (EDA) nel 2012 e gestita dall’NSPA, la flotta multinazionale MRTT comprende Germania, Paesi Bassi, Belgio, Norvegia, Lussemburgo e Repubblica Ceca, che hanno i diritti esclusivi per operare con gli aerei di proprietà della NATO in un accordo di condivisione e condivisione. 

L’FMM rappresenta un ottimo esempio di cooperazione efficace tra la NATO e l’Unione Europea nel fornire capacità critiche ai propri membri. 

Fonte e foto NATO Support and Procurement Agency

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui