fbpx

Consegnato il primo sistema GBAD IRIS-T SLM all’Ucraina dal consorzio industriale tedesco guidato da Diehl Defense

Insieme ai suoi partner HENSOLDT e Airbus, l’appaltatore generale Diehl Defense ha consegnato all’Ucraina un’unità di combattimento del sistema di difesa aerea a terra IRIS-T SLM. 

Dopo la firma del contratto per questa unità da combattimento nel giugno 2022, questo rapido adempimento dell’obbligo di consegna è un’eccezionale prestazione industriale dei partner. 

Seguiranno altri sistemi IRIS-T SLM per l’Ucraina non appena il processo industriale lo consentirà.

Diehl Defense è l’appaltatore generale e integratore di sistema per IRIS-T SLM e fornisce anche il lanciatore e i missili. 

HENSOLDT contribuisce con il radar multifunzionale TRML-4D. 

Il software integrato di gestione della battaglia Fire Control (IBMS-FS) per il centro operativo tattico è di Airbus.

Diehl Defence, HENSOLDT e Airbus collaborano da tempo nel campo della difesa aerea a terra e offrono, tra gli altri, il sistema IRIS-T SLM progettato per medie distanze, di 40 km di distanza e 20 km di altitudine. 

Diehl Defense sta attualmente sviluppando il sistema IRIS-T SLX caratterizzato da un aumento delle prestazioni. È dotato di una maggiore portata (fino a 80 km) e copertura di altitudine (fino a 30 km) e quindi estende i tempi di reazione e avviso e migliora il perimetro di protezione. Anche qui HENSOLDT e Airbus sono partner di Diehl Defence.

Le soluzioni congiunte di Diehl Defence, Airbus e HENSOLDT come sistemi esclusivamente tedeschi sono indipendenti dalla tecnologia straniera, motivo per cui forniscono il massimo di accreditamento e certificabilità per l’uso in Germania e, inoltre, la massima sicurezza di fornitura possibile. Allo stesso tempo, sono pienamente compatibili con l’architettura di difesa aerea integrata della NATO.

Fonte ed immagine Diehl Defense

Articolo precedente

La presenza di Seafuture ad Euronaval

Prossimo articolo

Virgin Orbit e la Difesa Lussemburghese firmano un accordo per promuovere le capacità spaziali reattive degli Alleati in tutta Europa

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie