fbpx

Consegnato il quarto pattugliatore classe Evolved Cape alla Royal Australian Navy

Austal Australia ha consegnato il quarto di otto pattugliatori classe Evolved Cape (ECCPB) in costruzione per la Royal Australian Navy (RAN) nell’ambito del programma SEA1445-1.

La nave, denominata ADV Cape Capricorn, è stata ufficialmente accettata dal Ministero della Difesa di Canberra.

Il contratto per la realizzazione di otto unità classe Evolved Cape è stato firmato nel maggio 2020 ed Austal Australia sta varando una nuova nave ogni tre mesi, dopo circa 12 mesi di costruzione.

La quinta nave, la futura ADV Cape Woolamai, è ormai prossima ad essere varata e le altre tre Evolved Cape si trovano in varie fasi di allestimento.

Il programma prevede la consegna alla RAN di tutte ed otto le unità classe Evolved Cape entro la prima metà del 2024.

Gli Evolved Cape sono navi monoscafo costruite in lega di alluminio con lunghezza di 57,8 metri, larghezza di 10,3 metri ed hanno un pescaggio di 3 metri.

Tali pattugliatori dispongono di un apparato di propulsione basato su due motori diesel Caterpillar 3516C che sprigionano una potenza totale di 5.050 kW su due assi che azionano altrettante eliche; la velocità massima raggiungibile è di circa 26 nodi, mentre l’autonomia è superiore alle 4.000 miglia nautiche a 12 nodi di velocità di crociera.

Queste unità, armate con un paio di mitragliatrici pesanti calibro 12,7×99 mm, presentano servizi nuovi e più ampi per ospitare fino a 32 persone, sistemi di qualità della vita migliorati e sistemi avanzati di intelligence di supporto che aumentano ulteriormente la capacità della Royal Australian Navy di operare in mare aperto.

I pattugliatori Evolved Cape saranno impiegati per un’ampia varietà di missioni di sorveglianza e navali, svolgendo un ruolo fondamentale nella sicurezza nazionale dell’Australia, in quanto risorsa marittima ad alte prestazioni, affidabile ed efficace.

Fonte e foto @Austal Australia

Articolo precedente

Psicologia e Formazione all’ISMA di Firenze

Prossimo articolo

Kraken collabora con Leonardo per migliorare le capacità della piattaforma navale K50

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie