fbpx

Contratto per la manutenzione delle navi di superficie e sottomarini della Royal Navy

La sicurezza del Regno Unito sarà rafforzata attraverso un nuovo importante contratto del valore di quasi 2 miliardi di sterline che garantirà la disponibilità e la resilienza a lungo termine delle risorse critiche utilizzate dalle navi e dai sottomarini della Royal Navy nei prossimi 15 anni.

Annunciato dal segretario alla Difesa Grant Shapps, il contratto Marine Sensor Enhancement Team (MSET) con Thales UK mirerà a fornire la piena disponibilità delle unità di superficie e sottomarine della Royal Navy delle classi Type 23, Type 45, MCM Sandown, pattugliatori costieri/MCM classe Hunt e le classi di sottomarni Astute, Vanguard e Trafalgar.

Il contratto, Maritime Sensor Enhancement Team (MSET), focalizzerà l’attenzione sulla disponibilità delle apparecchiature, prevedendo i problemi – attraverso le innovazioni dell’intelligenza artificiale e la gestione dei dati – piuttosto che reagire quando emergono.

Nel corso del contratto MSET, la Royal Navy subirà una transizione significativa delle principali linee di superficie e sottomarine che prevedono l’introduzione delle nuove fregate Type 26 e Type 31 nonché dei sottomarini lanciamissili Dreadnought e di sistemi autonomi di superficie e subacquei.

Il contratto supporterà sonar, alberi, periscopi e anche apparecchiature di guerra elettronica che consentono alla Royal Navy di rilevare e prendere di mira potenziali minacce.

Fondamentalmente, l’aumento della longevità della capacità dei sensori e del sonar aumenta significativamente la disponibilità delle apparecchiature che sono fondamentali per il deterrente continuo in mare (CASD) e per le più ampie capacità di navi e sottomarini.

Nel corso della durata del contratto MSET, l’obiettivo è ottenere una riduzione media dei tempi di consegna di 100 giorni per riparazione, i tempi di consegna dei ricambi ridotti in media di 44 giorni e l’affidabilità dovrà migliorare del 10%.

Circa 300 posti di lavoro nel Regno Unito derivanti dal precedente contratto di sostegno di Thales UK saranno sostenuti con ulteriori 150 posti di lavoro STEM, tra cui ruoli di ingegneria altamente qualificati e apprendistati, creati a Devonport, Faslane, Glasgow, Portsmouth, Cheadle, Crawley e Bristol.

Questo contratto salvaguarda inoltre i posti di lavoro lungo tutta la vasta catena di fornitura del Regno Unito.

Il contratto migliorerà inoltre le strutture di HMNB Devonport, Faslane, Portsmouth e Bahrein e fornirà capacità avanzate di test e riparazione. Questa maggiore presenza in mare consentirà di valutare le apparecchiature alla fonte, consentendo così rapidi miglioramenti nella diagnosi dei guasti e riducendo così i tempi di riparazione.

La visita del Segretario alla Difesa all’HMNB Devonport fa seguito ad un aumento di finanziamenti di 750 milioni di sterline alla base navale, annunciato nel novembre 2023, che migliorerà significativamente le infrastrutture. Creando circa 1.000 posti di lavoro, la commessa supporterà anche la manutenzione dei sottomarini esistenti e futuri e migliorerà la capacità del cantiere navale di realizzare importanti progetti di difesa.

Il Sud-Ovest è recentemente diventato il trampolino di lancio marittimo e marittimo del Regno Unito, riconoscendone la leadership nel settore. L’area riceverà ulteriori 7,5 milioni di sterline in finanziamenti per sostenere progetti di innovazione eccezionali nel settore marittimo. La cantieristica navale supporta direttamente oltre 43.000 posti di lavoro in tutto il Paese, con oltre 19.000 impiegati solo nel sud-ovest.

Fonte Defence Equipment & Support (DE&S) e Thales UK

Foto @Royal Navy

Articolo precedente

Missili AGM-114R2 Hellfire II per i Paesi Bassi

Prossimo articolo

La Francia ordina altri 420 veicoli blindati Serval

Ultime notizie