fbpx

Due Fast Attack Craft per la Marina del Qatar

In occasione della mostra-esibizione Doha International Maritime Defence Exhibition (DIMDEX) 2024 in corso a Doha, è stato siglato l’accordo tra la Qatar Emiri Navy Force (QENF) ed il cantiere turco Dearsan Shipyard per la costruzione di due nuove Fast Attack Craft.

La coppia di unità, altamente automatizzata, avrà una lunghezza di 50 metri deriva dal progetto FAC 46 destinato ad unità per guerra asimmetrica, pattugliamento armato, controllo e sorveglianza delle acque nazionali, contrasto alla pirateria ed ai traffici illeciti ed operazioni di ricerca soccorso.

Caratteristiche

Nella versione di base (FAC 46) è previsto un dislocamento a pieno carico di 320 tonnellate, una lunghezza di 46,75 metri, larghezza di 9,20 metri, pescaggio di 1,9 metri ed equipaggio di 24 marinai.

La velocità massima stimata della FAC 46 è di 40 + nodi sviluppati grazie ad un impianto propulsivo costituito da 3 motori diesel (e 2 generatori) che lavorano con altrettanto idrogetti, mentre l’autonomia di navigazione si attesta sulla 1000 miglia nautiche. A poppa dell’unità è predisposto uno scivolo per il rilascio/recupero di un RHIB che aumenta la flessibilità operativa della FAC.

Lo scafo è costruito in acciaio mentre per la sovrastruttura Dearsan Shipyeard ricorre al sealium, una lega di alluminio nata per impieghi navali che conferisce maggiore resistenza alla corrosione e maggiore resistenza alla fatica con risparmio di peso strutturale.

Armamento e suite elettronica

Dearsan Shipyeard nella sua brochure propone per la FAC 36 un armamento particolarmente consistente per unità di questo tonnellaggio costituito da 1 impianto da 40/70 mm Leonardo Bow Gun System, 2 sistemi di mitragliatrici stabilizzate a controllo remoto da 12,7×99 ed una coppia di mitragliatrici da 12,7×99 a controllo manuale, un sistema missilistico a medio raggio superficie-superficie con due lanciatori binati per missili Marte ER ed un sistema missilistico binato SIMBAD-RC per missili Mistral 3 per difesa aerea e per impieghi anti nave (in funzione anti barchini) grazie al sistema di ricerca di calore.

La suite elettronica prevede un Combat Management System (CMS), Navigation Data Distribution Unit (NDDU), un radar di sorveglianza aerea e di superficie, un sistema di identificazione amico/nemico (IFF), ESM, sistema Chaff/Decoy, Tactical Data Link System (TADL), radar di navigazione, radar LPI, un sistema di sorveglianza e riconoscimento Elettro-Ottico (EO/IR), Warship Electronic Chart Display System (WECDS), War Automatic Identification System (WAIS), Gyro (x2 Gyros con sistema INS) e bussola magnetica, DGPS, eco scandaglio e stazione meteorologica.

Il progetto delle FAC 46 prevede dotazioni SATCOM, radio HF, V/UHF e VLF/HF per le comunicazioni esterne.

Immagini @Daersan Shipyeard

Articolo precedente

Altri tre radar multifunzione TPY-4 per la Norvegia

Prossimo articolo

Tre nuovi satelliti radar ad apertura sintetica di ICEYE in orbita

Latest from Blog

Ultime notizie