fbpx

Dynamic Manta 2024 per la NATO

Inizia oggi l’esercitazione annuale Nato “Dynamic Manta” pianificata dal Comando Marittimo Alleato o NATO Allied Maritime Command (MARCOM) che terminerà il prossimo 8 marzo. Questa esercitazione, condotta dall’Alleanza Atlantica a partire dal 2013, è finalizzata a migliorare le capacità aeronavali alleate di contrasto di unità di superficie e sottomarine ostili.

L’esercitazione si svolgerà al largo delle coste della Sicilia e coinvolgerà varie unità navali di superficie, sottomarini, aerei ed elicotteri. L’obiettivo principale della “Dynamic Manta” è addestrare e perfezionare le capacità operative integrate in questo tipo di tipologia di combattimento.

Durante l’esercitazione, i sottomarini partecipanti si alterneranno di volta in volta nel ruolo di cacciatore e di bersaglio, operando in stretta collaborazione con assetti aerei e di superficie. L’obiettivo è migliorare l’interoperabilità e la competenza nelle tecniche di guerra antisommergibile ed anti superficie delle Marine ed Aeronautiche NATO. Questo addestramento complesso fornirà a tutti i partecipanti una formazione completa per poter affrontare situazioni di guerra reali.

Saranno sette sottomarini provenienti da Stati Uniti, Francia, Grecia, Italia, Spagna e Turchia che parteciperanno all’esercitazione, sotto il controllo del Comando sottomarini dell’Alleanza Atlantica. Inoltre, nel corso della Dynamic Manta saranno impiegati aerei da pattugliamento marittimo MPA/ASW di Canada (CP-140), Stati Uniti (P-8A), Germania (P-3C), Grecia (P-3B), Regno Unito (P-8A) e Turchia (P-72 MELTEM-3).

I sottomarini saranno impegnati nell’esercitazione sotto il controllo del Comando Sommergibili dell’Alleanza Atlantica (NATO Submarine Command – COMSUBNATO).

C’è da notare che le attività previste nell’esercitazione Dynamic Manta 2024 saranno svolte nell’ambito dell’Operazione Noble Shield, il cui controllo tattico è attualmente condotto dal Contrammiraglio Pasquale Esposito, Comandante del Secondo Gruppo Navale Permanente della NATO (Standing Nato Maritime Group 2 – SNMG2) che opera nel Mediterraneo.

La Marina Militare italiana, padrona di casa, parteciperà all’esercitazione NATO con la fregata “Carlo Margottini”, il cacciatorpediniere “Luigi Durand de la Penne”, il pattugliatore polivalente d’altura “Francesco Morosini”, una coppia di sottomarini ed un paio di elicotteri.

Ovviamente, la Marina Militare per la Dynamic Manta metterà a disposizione delle unità alleate la base di Augusta nonché saranno impiegati i porti di Catania e Siracusa nonché la stazione aerea di Sigonella.

Foto @Marina Militare

Articolo precedente

Singapore annuncia un programma di ammodernamento degli AH-64D Apache

Prossimo articolo

Contratti per il software avanzato che controllerà i futuri satelliti militari del Regno Unito

Latest from Blog

Ultime notizie