domenica, Dicembre 5, 2021

Effetti indesiderati delle sanzioni alla Turchia

-

La società canadese Telemus Systems Inc. ha portato i libri contabili presso il Tribunale di Ottawa a causa del grave dissesto finanziario causato dall’embargo decretato dal Governo Canadese alle forniture di armamenti e componentistica alla Turchia.

Come è noto, il precedente Governo guidato da Justin Trudeau, in risposta alle operazioni turche nel Kurdistan siriano ed iracheno, fortemente disapprovate, ha disposto l’embargo di armi e componenti dei sistemi d’arma fabbricate in Canada o a programmi in cui è presente l’industria canadese.

Tutti i permessi di esportazione fin lì concessi alle aziende canadesi sono stati revocati, provocando, ovviamente, gravi problemi alle imprese.

Ebbene, la Telemus Systems Inc. un’azienda che è, o meglio era, attiva nel settore dei sistemi di intelligence elettronica e di supporto elettronico per droni, si è trovata in forte difficoltà, perché Ankara era il principale mercato di riferimento.

Infatti, nonostante i roboanti ed assai pubblicizzati proclami di indipendenza tecnologica raggiunti dall’industria turca nel settore degli armamenti, quest’ultima, in verità, è ancora largamente dipendente dall’Estero per forniture in settori essenziali.

La fiorente filiera industriale turca di UAV, per carenze tecnologiche, è costretta ad appoggiarsi al Estero per determinate componenti, tra cui quelle che erano state fornite dalla Telemus Systems, prima del decretato embargo.

In particolare, le componenti canadesi trovavano spazio ed applicazione sugli UAV Anka impiegati da Ankara e venduti anche all’Estero.

Nonostante i colloqui tra Telemus Systems e l’organizzazione governativa Global Affairs Canada tesi a superare la pericolosa impasse in cui si è trovata l’azienda, i conti sono andati in rosso profondo, con una perdita netta di 360.000 dollari nel 2020 e con una perdita di 1,1 milione di dollari registrata a giugno 2021.

Tale situazione è divenuta insostenibile per la “piccola” azienda canadese che, in assenza di interventi governativi anche di sostegno economico, il 31 luglio scorso non ha potuto far altro che portare i libri in tribunale per l’istanza di fallimento.

Ultime notizie

Gli F-35A dell'Aeronautica Militare italiana hanno lasciato la Baltic Air Policing (BAP) venendo sostituiti dagli F-16 della Luchtcomponent.Il cambio...
Le Commissioni Difesa e Bilancio di Camera e Senato hanno espresso parere favorevole al programma pluriennale di ammodernamento e rinnovamento...
Le Forze Armate Serbe acquisteranno nuovi sistemi di difesa aerea Pantsir-S2 di fabbricazione russa. Questo è quanto annunciato dal Ministro...
La Defense Logistics Agency (DLA) ha stipulato un'opzione contrattuale da 316 milioni di dollari per i moduli GPS (M-Code...

Da leggere

Produzione a basso ritmo per il T-14 Armata

In occasione della recente visita presso gli stabilimenti UralVagonZavod,...

Rinnovamento delle linee navi ausiliarie della Marina Militare

Il Governo ha trasmesso la richiesta di parere parlamentare...