fbpx

Elicotteri UH-60M per la Croazia

Il Ministero della Difesa di Zagabria ha dato notizia che la Commissione per la Difesa del Parlamento Croato ha approvato all’unanimità la procedura di approvvigionamento di nuovi elicotteri UH-60M Black Hawk prodotti da Sikorsky, una società interamente controllata da Lockheed Martin.

In particolare, si tratta della prevista acquisizione di otto elicotteri UH-60M Black Hawk per un valore totale di 273,8 milioni di dollari.

Tali elicotteri permetteranno alle Forze Armate croate di completare la sostituzione dei materiali di origine orientale (sovietica-russa) ancora in dotazione.

L’acquisto avverrà tramite procedure di vendite militari straniere (FMS) e, a tal fine, il Governo degli Stati Uniti ha deciso di fornire alla Croazia assistenza finanziaria per un importo di 139,4 milioni di dollari, ovvero coprendo il 51% delle risorse finanziarie necessarie, mentre la quota restante sarà assicurata dal bilancio del Ministero della Difesa Croato nel triennio 2025-2027.

La sostituzione dei Mi-8/17

Il programma, già autorizzato dal Congresso degli Stati Uniti, prevede la consegna alla Difesa Croata del nuovo lotto di otto UH-60M Black Hawk nel 2028.

Il programma per equipaggiare le Forze Armate croate con gli elicotteri multiruolo UH-60M Black Hawk è stato avviato nel 2018 per sostituire gli elicotteri Mi-8/17 di origine sovietica-russa con elicotteri di fabbricazione occidentale, stante l’obsolescenza del detto materiale e per ragioni di standardizzazione tecnica, logistica ed operativa con gli Stati Uniti e la NATO di cui la Croazia è membro.

Allo stato attuale in Croazia sono operativi dal 2022 quattro UH-60M di cui una coppia finanziata dal Ministero della Difesa Croato e gli altri due esemplari donati dagli Stati Uniti a titolo di EDA (Excess Defense Articles), provenienti dalle eccedenze delle Forze Armate di Washington; peraltro, nel Paese balcanico non sono mancate le polemiche perché il tasso di livello operativo nei primi quasi due anni di impiego non è risultato particolarmente brillante per mancanza di parti di ricambio e perché si tratta di elicotteri più moderni ma più complessi da gestire rispetto al materiale che sostituiscono; a tal fine, la Difesa Croata, conscia delle difficoltà emerse, ha posto in atto i correttivi necessari per risolvere i problemi degli elicotteri già in dotazione e per quelli di prossima acquisizione.

Fonte e foto @Ministero della Difesa Croato

Articolo precedente

Drone Carrier per la Armada Española

Prossimo articolo

EOS collabora con Shielders Advanced Industries per rafforzare la produzione della Difesa negli Emirati Arabi Uniti

Latest from Blog

Ultime notizie