mercoledì, Agosto 4, 2021

ENI, nuovo accordo con l’algerina Sonatrach e novità dall’offshore angolano

-

Eni e Sonatrach hanno rafforzato la collaborazione pluridecennale rinnovando il contratto di fornitura di gas all’Italia fino al 2027, con opzione aggiuntiva biennale. L’accordo andrà a coprire circa il 15% del fabbisogno delle importazioni di gas in Italia, oltre a definire le modalità di trasporto e commercializzazione del gas dall’Algeria all’Italia. L’Amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi, ha dichiarato: “Sono molto soddisfatto degli accordi raggiunti e del livello di collaborazione strategica che abbiamo raggiunto con Sonatrach, che va dal settore dell’esplorazione e produzione, al trasporto e commercializzazione del gas, alle rinnovabili“.

Contemporaneamente, ENI ha annunciato la scoperta di un nuovo pozzo nel Blocco 15/16 dell’offshore dell’Angola. Tale giacimento avrebbe riserve stimate fino a 250 milioni barili di olio leggero, con una potenziale capacità produttiva superiore a 10.000 barili di olio/ giorno.Il pozzo esplorativo Ndungu 1 NFW è situato a poche miglia marine dalle installazioni Eni offshore del West Hub; è stato perforato dalla nave di perforazione Poseidon, ad una profondità d’acqua di 1.076 metri, raggiungendo una profondità totale di 4.050 metri.

Ndungu è la quarta scoperta di natura commerciale effettuata con la ripresa, a metà 2018, della campagna esplorativa da parte della Joint Venture del Blocco 15/06; essa segue le precedenti scoperte dei pozzi Kalimba, Afoxé e Agogo.
Tutte e quattro le scoperte complessivamente sono stimate contenere fino a 1.4 miliardi di barili di olio leggero in posto.
La Joint Venture del Blocco 15/06, costituita da Eni (operatore, 36,8421%), Sonangol P&P (36.8421%) e SSI Fifteen Limited (26.3158%), pianificherà le attività di sviluppo accelerato della scoperta.

Tale scoperta certifica la validità concreta della recente legislazione angolana con il Decreto Presidenziale No.5/18 del 18 Maggio 2018 , sottolinea la compagnia petrolifera nel suo comunicato. La legge in questione definisce un quadro giuridico favorevole per ulteriori attività di esplorazione nelle aree di sviluppo già esistenti.

L’Angola è un paese chiave per la strategia di crescita organica di Eni. L’azienda è presente nel paese sin dal 1980, e ha oggi una produzione equity pari a 150.000 barili di olio equivalente/giorno. Nel Blocco 15/06 Eni opera i progetti di sviluppo West Hub e East Hub che producono attualmente 155.000 barili giorni di olio (100%). Nel Paese Eni è anche operatore del blocco onshore Cabinda Norte.

(laddove non specificato le immagini si intendono di libera disponibilità in relazione ai diritti d’autore)

Ultime notizie

CAE ha annunciato che l'USAF ha recentemente incaricato CAE USA di sviluppare e distribuire simulatori JTC TRS (Joint Terminal...
Raytheon Intelligence & Space, un'azienda di Raytheon Technologies, ha implementato un eJPALS, sistema di avvicinamento ed atterraggio di precisione...
Raytheon Missiles & Defense e l'US Navy hanno completato i test sull'Enterprise Air Surveillance Radar, o EASR, presso la...
La fregata Bayern della Deutsche Marine è partita ieri, 2 agosto, per una lunga missione alla volta dell'Indo-Pacifico di...

Da leggere

HENSOLDT modernizza i sistemi di identificazione della Luftwaffe

Nell'ambito della modernizzazione di tutti i sistemi di identificazione...