fbpx

Entrano in servizio le ultime tre LMV della Marina di Singapore

Con l’avvenuta cerimonia di consegna sono entrate in servizio le ultime tre Littoral Mission Vessel o LMV della classe Independence nella fila della Marina di Singapore.

Queste tre unità, Fortitude, Dauntless e Fearless hanno raggiunto le altre cinque unità, Independence, Sovereignity, Unity, Justice ed Indomitable presso la Tuas Naval Base.

Littoral Mission Vessel (LMV)

La classe LMV è uno sviluppo congiunto tra ST Marine e Saab Kockums. La Defence Science and Technology Agency (DSTA) è responsabile della gestione complessiva del progetto e dell’integrazione dei sistemi sulle unità classe Independence.

Il programma Independence è stato lanciato nel 2013 e la prima unità, la capoclasse Independence è stata impostata nel settembre 2014, varata l’anno successivo ed è entrata in servizio nel maggio 2017.

Le altre quattro prime unità sono state varate tra il 2015 ed il 2017 e sono entrate in servizio nel 2018.

Queste ultime tre unità sono impostate tra il 2017 ed il 2018 e varate tra il 2018 e 2019. Le otto unità classe Independence prendono il posto dei pattugliatori Fearless entrati in servizio nella seconda metà degli anni novanta, ormai radiati.

Compiti e missioni della classe Independence

Le unità LMV possono essere utilizzate principalmente nelle missioni di sicurezza costiera, pattugliamento marittimo e sorveglianza.

Altri compiti assegnati alle Independence sono l’assistenza umanitaria, il soccorso in caso di incidenti e la ricerca e soccorso (SAR).

Caratteristiche costruttive ed equipaggio

Le unità Independence dislocano tra le 1200- tonnellate a vuoto e le 1300+ tonnellate a pieno carico.

Hanno una lunghezza di 80 metri ed una larghezza di 12 metri.

L’equipaggio di base è formato da 23 uomini; peraltro, è possibile integrarlo sino a 30 uomini.

Singapore Navy Commissions Final Three Littoral Mission Vessels 925 001

Le unità sono dotate di ponte di volo e possono ricoverare un elicottero di classe media.

Sono costruite sulla base del concetto di modularità che consente l’integrazione di una serie di moduli di missione per soddisfare i requisiti specifici della missione. Tra questi è prevista la possibilità di imbarcare RHIB o RHMB, UAV, USV e moduli per le missioni di ricerca e soccorso nonché assistenza umanitaria.

Impianto propulsivo e prestazioni.

L’apparato propulsivo è costituito da una architettura Combined Diesel and Diesel (CODAD) basato su quattro motori diesel MTU 0V 4000 M93L. La potenza prodotta globalmente è pari a 17.200 kW o 23.100 hp. La velocità massima raggiungibile è di 27 nodi, quella di crociera è 18 nodi. L’autonomia è pari 3.500 miglia nautiche o 14 giorni di navigazione.

Armamento

A livello di armamento di artiglieria le LMV classe Independence sono dotate di: un cannone Leonardo 76/62mm Super Rapido; una Rafael Typhoon Weapon Station stabilizzata per cannoncino Mk 38 Mod. 2 da 25mm; due Leonardo RCWS Hitrole per mitragliatrici calibro 12,7mm.

Come armamento missilistico sono presenti 12 MBDA VL-Mica per la difesa antiaerea ed antimissile ravvicinata.

Infine, sono montati due Long-Range Acoustic Device 500 Xtreme (LRAD500X), sistemi d’arma non letali, nonché cannoni d’acqua.

Dotazioni elettroniche

Le LMV classe Independence sono dotate di un radar Thales NS 100 multi-function active electronically scanned array (AESA) che opera in banda S, un radar di navigazione SharpEye di Kelvin Hughes, e del Gun Fire Control System (GFCS) di Sagem. Le unità montano un sistema di telecamere diurne e notturne panoramiche STELOP a 360 gradi che integra lo STELOP Compass D, elettro-ottico, per l’identificazione degli obiettivi.

Foto MINDEF Singapore

Articolo precedente

A Safran la manutenzione dei motori degli EH101 portoghesi

Prossimo articolo

Il cacciatorpediniere giapponese Takanami salpa alla volta del Golfo dell’Oman

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie