fbpx
210722-N-CJ510-0057 REYKJAVIK, Iceland (July 22, 2021) The Arleigh Burke-class guided-missile destroyer USS Roosevelt (DDG 80) departs Reykjavik, Iceland, July 22, 2021. Roosevelt, forward-deployed to Rota, Spain, is on its second patrol in the U.S. Sixth Fleet area of operations in support of regional allies and partners and U.S. national security interests in Europe and Africa. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 2nd Class Andrea Rumple)

Esercitazione Shark Hunt 2021 nell’Atlantico settentrionale

Il 23 luglio, il comandante della Task Force 69 (CTF-69) ha dato il via all’esercitazione Shark Hunt 2021, un’esercitazione multinazionale di guerra antisommergibile che si tiene nell’Atlantico settentrionale.

Guidato dal comandante della guerra sottomarina della sesta flotta degli Stati Uniti, l’esercitazione di quest’anno presenta tre sottomarini alleati, quattro navi di superficie, tra cui il cacciatorpediniere missilistico della classe Arleigh-Burke USS Roosevelt (DDG 80) e sette aerei provenienti da quattro paesi. Quest’anno parteciperanno Canada, Francia, Regno Unito e Stati Uniti.

“Questa esercitazione dimostra la complessità e la letalità della nostra squadra di guerra antisommergibile alleata”, ha affermato il capitano John Craddock, commodoro, CTF 69. “Il coordinamento multi-dominio e multinazionale amplifica la nostra capacità di promuovere la sicurezza marittima transatlantica, fornire deterrenza e, se necessario, garantire la negazione in mare”.

Shark Hunt sviluppa capacità di guerra complesse e impegnative per migliorare l’interoperabilità e la competenza dei partecipanti nelle abilità di guerra antisommergibile aerea, di superficie e sott’acqua.

Queste operazioni forniscono opportunità reali per far progredire la moderna guerra sottomarina e promuovere una comprensione senza precedenti dell’ambiente sottomarino. L’addestramento con altri sottomarini mette alla prova i limiti e l’ingegnosità dei nostri equipaggi per esibirsi ai massimi livelli.

La sesta flotta degli Stati Uniti, con sede a Napoli, in Italia, conduce l’intero spettro di operazioni congiunte e navali, spesso in concerto con partner alleati al fine di promuovere gli interessi nazionali, la sicurezza e la stabilità degli Stati Uniti in Europa e in Africa.

Articolo precedente

Polaris MRZR-D4 in prova con i Royal Marines

Prossimo articolo

Nuovi sensori di ricerca di BAE Systems per i LRASM

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie