fbpx

Esplosione all’impianto di arricchimento iraniano di Natanz, sabotaggio

L’Organizzazione iraniana per l’Energia Atomica sostiene che l’esplosione avvenuta lo scorso mese all’impianto di arricchimento di Natanz è stata causata da un “sabotaggio”.

Immagine

La conferma arriva direttamente dal portavoce dell’ente, Behrouz Kamalvandi.

Non sono ancora stati resi di pubblico dominio i dettagli dell’esplosione.

Impianto di Natanz

E’ facile però che tali informazioni non verranno divulgate per questioni di “sicurezza nazionale”.

L’evento di Natanz è avvenuto sei giorni dopo una altra esplosione in un complesso militare nei dintorni di Tehran.

L’Iran ha ripreso l’attività di arricchimento dell’uranio a Natanz a settembre dello scorso anno.

Difesa anti-aerea dispiegata attorno all’impianto di arricchimento di Natanz

Presso l’impianto di arricchimento di Natanz (circa 250 km a sud di Tehran) si presume siano installate 19.000 centrifughe della quali almeno la metà alimentate a esafluoruro di uranio.

Immagini: Wikipedia, Organizzazione iraniana per l’Energia Atomica

Articolo precedente

Arrivano in Libano gli aiuti italiani, parte l’operazione “Emergenza Cedri”

Prossimo articolo

Ristrutturazione del NSPA Southern Operational Center (SOC) di Taranto eseguita dal 16° Gruppo Genio Campale dell’Aeronautica Militare

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie