lunedì, Ottobre 25, 2021

F-35 vs fulmini, la soluzione entro la fine dell’anno

-

La Lockheed Martin risolverà il problema “fulmini” che affligge l’F-35 entro la fine dell’anno consentendo dunque al cacciabombardiere di superare le restrizioni al volo introdotte a giugno.

Il problema risiede nel sistema OIGGS, acronimo di Onboard Inert Gas Generation System, che non funziona come dovrebbe.

L’OBIGGS dovrebbe permettere all’F-35 si volare tra fulmini dato che pompa all’interno dei serbatoi di combustibile che si stanno svuotando aria arricchita con azoto.

I vapori del carburante infatti sono facilmente infiammabili e potrebbero creare il presupposto per una esplosione. In un ambiente saturo di azoto, e quindi privo di ossigeno, non è possibile invece che si sviluppi una combustione.

Il problema relativo al generatore di gas inerte è stato scoperto a giugno quando, durante una ispezione di routine, un tubo è stato trovato danneggiato.

Lockheed Martin, in un comunicato, ha affermato che la problematica si presenta “sul campo”, dopo la consegna del velivolo.

Non potendo essere perfettamente sicuri della funzionalità dell’OBIGGS a scopo preventivo sono state introdotte limitazioni che non permettono all’F-35A di avvicinarsi a meno di 40 chilometri da fulmini o temporali.

Le altre versioni dell’F-35, quella a decollo verticale -B e quella per impiego da portaerei -C, non soffrono del problema. Questo perché nella versione -B l’OBIGGS ha subito alcune modifiche per adattarlo alla presenza della grossa “ventola” centrale mentre sulla versione -C, semplicemente, il problema non si è presentato.

Per risolvere il problema i tubi del sistema OBIGGS saranno maggiormente assicurati all’interno dei serbatoi in modo che non si possano danneggiare.

E’ allo studio il piano per modificare gli F-35 già consegnati e le eventuali ricadute economiche per Lochkeed Martin.

Immagine di copertina: Air National Guard

Ultime notizie

Domenica 24 ottobre è stato lanciato dal Guiana Space Center di Kourou con successo il primo satellite militare per...
Nei prossimi mesi Israele ha intenzione di richiedere agli Stati Uniti d'America l'autorizzazione all'acquisto delle nuove bombe GBU-72 Advanced...
Un capitano del Bundeswehr di 32 anni, specializzato in IED, è stato trovato in possesso di materiale radioattivo, documenti...
di Angelo TIBERI Ufficiale (in cong.) del Corpo dei Granatieri Cultore di Ordinamento dell’Esercito Italiano e delle Politiche di Difesa e...

Da leggere

La Norvegia acquista il Joint Strike Missile

E' stato siglato un importante contratto tra la Norwegian...