fbpx

Fincantieri e WSense stipulano un accordo per la collaborazione nel dominio Underwater

Fincantieri e WSense, azienda deep tech specializzata in sistemi di monitoraggio e comunicazione subacquei, hanno firmato un Memorandum of Understanding per avviare una collaborazione nel settore dell’Underwater Internet of Things (UloT).

Le due società valuteranno possibili forme di cooperazione in alcune aree, tra cui le comunicazioni adattative subacquee e il relativo network multimodale, lo sviluppo di soluzioni per la misurazione del posizionamento relativo di mezzi a guida autonoma (unmanned) di superficie e underwater e di soluzioni cloud in ambito Difesa, sulla base dell’esperienza già maturata da WSense in ambito civile, valutando anche la partecipazione di altri operatori specializzati.

Pierroberto Folgiero, Amministratore delegato e Direttore Generale di Fincantieri, ha dichiarato: “Questo Memorandum conferma il ruolo di Fincantieri come uno dei principali catalizzatori dell’industria underwater, un universo da 400 miliardi di euro di volume potenziale di business. Il Gruppo, che da oltre 100 anni costruisce i sottomarini per la Marina Militare, ha l’obiettivo di fungere da guida per lo sviluppo tecnologico di questo nuovo dominio geopolitico, di grande rilevanza strategica, come rappresentato anche dalla recente inaugurazione del Polo Nazionale della Dimensione Subacquea. Per questo, siamo molto felici di avviare questa collaborazione con una delle principali eccellenze della filiera nazionale.” 

Questo accordo con Fincantieri – sottolinea Chiara Petrioli, CEO di WSense – è molto importante sotto due aspetti. Da un lato conferma la nostra leadership tecnologica nell’ambito delle telecomunicazioni wireless sottomarine. Dall’altro posiziona WSense come attore al centro dell’ecosistema italiano di eccellenza per la realizzazione di sistemi di monitoraggio e di controllo del dominio subacqueo. Esiste un potenziale enorme legato alla Blue Economy, in modo particolare nel settore protezione delle infrastrutture critiche. In questo campo l’Italia con il Polo Nazionale della Dimensione Subacquea ha dato concretezza alla sua visione strategica. Le soluzioni e la capacità di sviluppo tecnologico di WSense, insieme alla volontà dei grandi player come Fincantieri di fare ecosistema, possono realmente portare il nostro Paese alla frontiera dell’innovazione e alla leadership internazionale nell’internet dei mari.”

Fonte e foto @Fincantieri

Ultime notizie