fbpx

Generale Herem (Estonia) sull’Ucraina: “non sottovalutiamo la pericolosità della Russia”

L’analisi del possibile ritiro della Federazione Russa e delle conseguenze della Guerra in Ucraina in un lungo post pubblicato dal Capo di Stato Maggiore della Difesa estone, il Tenente Generale Martin Herem:

È opinione diffusa che per porre fine a questa guerra, la Federazione Russa debba ritirare le sue forze dal territorio dell’Ucraina, compresa dall’Ucraina orientale e dalla Crimea.

Questo è ciò che tutti vogliamo e speriamo ma quale sarà allora la nostra situazione quando accadrà? Ci sono alcune circostanze che non ci permettono di vedere il futuro in una luce troppo positiva in prospettiva.

Per ora mettiamo da parte lo scenario in cui le truppe hanno lasciato fisicamente il territorio dell’Ucraina, ma la Russia ha ancora la possibilità di bombardare a distanza.

Immaginiamo che la guerra si “congeli” almeno per qualche tempo ai confini di stato del 2014. In primo luogo, la Federazione Russa ha dichiarato ufficialmente e pubblicamente che gran parte dell’Ucraina come suo territorio. Per quanto sia sbagliato secondo il diritto internazionale, la Russia lo ha ripetutamente e pubblicamente dichiarato: “Questo fa parte della Russia e intendiamo difenderlo se necessario”.

È difficile immaginare quale scusa darà la Russia per porre fine alle ostilità quando non controlla più questi territori. In che modo la “potente Russia” spiegherebbe tale comportamento al proprio popolo e lo dimostrerebbe all’Occidente, il suo concorrente? Se la Russia non rinuncia a queste richieste, e oggi è improbabile, allora la pace sarà costruita su un terreno molto debole.

In secondo luogo, la giustificazione della guerra è cambiata durante la guerra. Questo è vero sia nella leadership russa che nei media e nella società. Quando inizialmente volevano denazificare e smilitarizzare la “pericolosa Ucraina” ora tali espressioni non sono più usate molto.

Sentiamo sempre più parlare di satanisti e pedofili della NATO o dell’UE contro i quali la Russia è in guerra. La guerra si è sempre più trasformata in una “guerra santa”, una lotta contro un fenomeno del tutto inaccettabile e pericoloso per la cultura e i valori russi. In che modo la leadership russa spiega la perdita di territorio o della guerra dei valori?

In terzo luogo, l’atteggiamento nei confronti degli ucraini come popolo è cambiato. Dai mesi estivi, i media russi hanno iniziato sempre più a ridicolizzare le sofferenze del popolo ucraino (non del governo). Ad esempio, i politici della televisione di stato russa promettono di inviare un razzo ai bambini di Kiev per Natale.

In una situazione in cui milioni di ucraini sono senza elettricità, la cronaca ride del fatto che gli ucraini non sappiano usare generatori o stufe a gas, provocando incendi. La gente parla dei “generatori assassini” dell’Ucraina. I programmi televisivi suggeriscono di distruggere le infrastrutture civili perché costringe la popolazione ucraina (!) ad arrendersi.

In un programma televisivo è stato apertamente affermato che, se necessario, quindi un’intera generazione di ucraini, forse milioni, deve essere uccisa in modo che gli ucraini non abbiano mai più un atteggiamento ostile nei confronti della Russia. Passo dopo passo, viene creata una giustificazione emotiva per il genocidio.

Decine di migliaia di soldati russi morti hanno perso la vita per mano degli ucraini e per il sostegno occidentale. Ma i loro familiari e amici credono che i nemici della Russia – l’Ucraina ei paesi occidentali che l’hanno sostenuta – siano i colpevoli di queste perdite. I veterani continueranno a raccontare le propria esperienza in futuro e ricorderanno a tutti gli altri della guerra, persa. In modo grottesco, anche qui è evidente l’effetto concomitante della mobilitazione russa: la società è invischiata nell’odio.

Sullo sfondo di tutto ciò, va sottolineato che oggi in Russia si criticano le decisioni di generali e funzionari, non l’errore del governo nell’escalation della guerra il 24 febbraio. Anche di persone fuggite dalla Russia tra loro ce ne sono molti che non erano disposti ad andare in guerra, ma non sono necessariamente contrari alle decisioni del governo russo di attaccare l’Ucraina.

L’odio seminato da Putin ha trovato terreno fertile. Speriamo che non sia così, ma al momento non sembra diverso.

Ora immaginiamo di nuovo la situazione in cui le truppe della Federazione Russa hanno lasciato il territorio dell’Ucraina. Lasciato perché gli ucraini, che sono ridicoli e rappresentano i valori in declino dell’Occidente, con l’aiuto di mezzi occidentali, hanno cacciato da lì la “potente Russia”.

Non c’è bisogno di fantasticare su quale potrebbe essere la motivazione per la Russia per mostrare il suo potere militare da qualche parte un giorno e vendicarsi.

Naturalmente, la Russia usa mezzi non militari per offuscare tale vergogna e anche per creare nuove condizioni. Gli effetti della guerra si estendono a noi – almeno in parte, la guerra ha causato aumenti dei prezzi, recessione economica, crisi energetica.

Secondo alcuni, abbiamo sostenuto militarmente l’Ucraina più di quanto avremmo dovuto, riducendo così le nostre capacità di difesa in caso di possibile aggressione. È improbabile che tutte queste opinioni siano direttamente un’operazione di informazione organizzata dalla Russia. Ma questi effetti sono certamente parti della guerra ibrida che la Russia può sfruttare. Probabilmente sono anche processi socio-psicologicamente inevitabili e forse naturali in un tale conflitto militare. Tuttavia, il buon senso ne risente. La preparazione effettiva al pericolo ne risente ma abbiamo un disperato bisogno di un pensiero indipendente per la prospettiva del futuro.

L’aggressione contro l’Ucraina, l’aggressione, l’odio e il bisogno di vendetta e la fiducia nel proprio potere e nel proprio diritto non sembrano scomparire da nessuna parte.

Innanzitutto, ovviamente, dobbiamo concentrarci sulla vittoria dell’Ucraina, perché questo è il primo e inevitabile obiettivo sulla strada per garantire un futuro migliore. Ma solo il primo.

In secondo luogo, dobbiamo essere preparati per la prossima aggressione contro di noi, i nostri alleati ei nostri valori. Proprio come temiamo un incendio, anche se non pensiamo che sia probabile oggi o domani, dobbiamo comunque essere preparati ad affrontarlo.

Nonostante le pesanti perdite di manodopera e tecnologia, la Russia ha un potenziale sufficiente per effettuare un attacco militare contro alcuni dei suoi vicini. Ci sono migliaia di carri armati nei magazzini russi, veicoli da combattimento, veicoli corazzati e artiglieria, che potrebbero non essere operativi e che sono moralmente obsoleti. Ma su tre o quattro, possono sicuramente metterne insieme uno che funzioni.

Dopo aver annunciato la mobilitazione, il governo russo può anche aumentare il carico e le prestazioni delle corrispondenti imprese industriali. Ad esempio, le fabbriche russe producevano già quasi due milioni di unità di munizioni di artiglieria all’anno. Probabilmente non è impossibile raddoppiarlo. Ad oggi, la Russia ha utilizzato forse il 10% dei suoi missili antiaerei S-300, utilizzati per attaccare obiettivi terrestri a 70 km di distanza in Ucraina. Nessuna arma antiaerea è stata ancora in grado di distruggerli.

Non è troppo difficile mobilitare centinaia di migliaia di persone relativamente ben motivate tra le persone che hanno perso la guerra (se lo pensano). L’addestramento di base di soldati motivati ​​è quindi più una questione di attuazione. In assenza di un’intensa attività militare, ci sono anche abbastanza istruttori.

La situazione in aria e in mare è molto migliore per la Russia. In dieci mesi hanno perso meno del 10% della loro aviazione e ancora meno della loro marina. Si può pensare che alla Russia manchino le tecnologie moderne, ma per costruire un esercito “stupido”, ma massiccio e pericoloso, non hai bisogno di molta tecnologia del 21° secolo.

Non per descrivere uno specifico scenario possibile, ma per descrivere una minaccia militare, immaginiamo l’aggressione russa in direzione degli Stati baltici tra pochi anni.

Il confine dell’Estonia con la Russia è a più di 200 km in linea d’aria, quello della Lettonia a meno di 200 km. Immaginiamo che durante le esercitazioni saranno concentrati sui nostri confini circa 1.000 carri armati e 4.000 veicoli corazzati, 1.000 sistema di artiglieria e 100.000 soldati.

La persona media, incluso un riservista addestrato, fa una grande differenza se si tratta di un carro armato T-62 o T-72? BMP o MTLB? Gli obici semoventi o trainati da 152 mm ci spareranno da una distanza di 20 km? I 100.000 soldati sono professionisti o coscritti con un anno di addestramento e mobilitati? Tallinn e Riga saranno colpiti con missili da crociera Kalibr o “droni” di origine iraniana? Ai residenti di Jõhvi, Tartu o Võru importa quale razzo che trasporta almeno 100 kg di esplosivo li colpisce? La maggior parte delle persone probabilmente direbbe che non c’è differenza.

La Russia concentrerà i suoi mezzi sopra menzionati contro l’Estonia e la Lettonia. Con la sola produzione annuale di artiglieria, consentirebbe loro di sparare 166 proiettili per chilometro ogni giorno durante un’aggressione di un mese, o più di 66.000 proiettili al giorno sull’intero fronte di 400 km.

Non importa se l’Estonia viene attaccata con carri armati T-62 vecchi di decenni o carri armati T-90 nuovi di zecca: saranno comunque necessari missili Javelin o Eurospike per distruggerli. Lo stesso vale per le risorse aeree e altre cose: abbiamo ancora bisogno di armi, munizioni e della capacità di usarle contro chi viene contro di noi.

Ciò significa che dobbiamo costantemente e sistematicamente sviluppare le nostre capacità militari per essere pronti a resistere a un avversario che ci attacca con tecnologia sia avanzata che vecchia, rendendoci conto che la loro la massa è e rimane un vantaggio.

Qual è il nostro vantaggio? Prima di tutto, non abbiamo scelta: questo è il nostro paese. Secondo, giochiamo in casa. Terzo, la nostra formazione è migliore. In quarto luogo, la nostra tecnologia high-tech e dei nostri alleati è superiore a quella del nostro avversario

Sulla base di quanto sopra, non abbiamo il diritto di sottovalutare l’aggressività della Russia anche in futuro, e non c’è nemmeno motivo di credere che la sconfitta dei russi in Ucraina significherebbe la fine del pericolo in agguato per noi.

È solo uno un passo importante.

Non esiste un unico silver bullet contro una simile minaccia. Ma è possibile contrattaccare e preparandosi si può anche prevenire. In ogni caso, le forze di difesa faranno del loro meglio per questo.

Tenente Generale Martin Herem

Il Tenente Generale Martin Herem, al centro (Immagine: Forze Armate dell’Estonia)

Martin Herem è nato il 17 dicembre 1973 a Tallinn, in Estonia.

Dopo essersi diplomato presso il National Defense College dell’Accademia estone per la difesa pubblica e la sicurezza, il tenente generale Herem è stato capo di plotone e comandante di compagnia del battaglione di fanteria di Kuperjanov dal 1996 al 1998.

Le sue prime esperienze come ufficiale di stato maggiore sono state maturate nel Battaglione di fanteria di Tartu dove il tenente generale Herem prestò servizio prima come ufficiale di stato maggiore S3 e successivamente come capo di stato maggiore. Dopo essersi diplomato al Baltic Defence College, Joint Command and General Staff Course, ha prestato servizio come istruttore di tattica e capo del dipartimento di tattica dell’Estonian National Defense College (ENDC). Nel 2007 è stato nominato al Comando della Difesa del Nord-Est, dove ha ricoperto inizialmente il ruolo di Capo di Stato Maggiore e successivamente quello di Comandante.

Dal 2012 il tenente generale Herem ha ricoperto la carica di vice comandante dell’ENDC ed è diventato comandante dell’ENDC nel 2013. Il 15 luglio 2016, il tenente generale Herem è stato nominato capo di stato maggiore del quartier generale delle forze di difesa estoni. Dal 5 dicembre 2018, il tenente generale Herem è nominato comandante delle forze di difesa estoni. È il primo ufficiale ad essersi laureato presso un National Defense College in Estonia a ricoprire questa posizione dal ripristino dell’indipendenza dell’Estonia.

Nel 2006, il tenente generale Herem è stato schierato in Iraq durante l’operazione Iraqi Freedom II.

È stato insignito della Croce al servizio meritevole delle forze di difesa estoni, della decorazione al servizio distinto delle forze di difesa estoni e di numerosi altri riconoscimenti.

Il tenente generale Herem parla inglese e russo.

Articolo precedente

La Turchia continua a bloccare l’ingresso di Svezia e Finlandia nella NATO

Prossimo articolo

Filippine, cambio a sorpresa al vertice delle Forze Armate

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie