fbpx
220901-N-KL637-1062 ADRIATIC SEA (Sep. 1, 2022) The Nimitz-class aircraft carrier USS George H.W. Bush (CVN 77), transits the Adriatic Sea alongside the Italian training ship ITS Amerigo Vespucci, Sep. 1, 2022. The ships operated together to commemorate the 60th anniversary of a 1962 meeting between USS Independence (CVA 62) and Italy's senior national vessel Amerigo Vespucci. The George H.W. Bush Carrier Strike Group is on a scheduled deployment in the U.S. Naval Forces Europe area of operations, employed by U.S. Sixth Fleet to defend U.S., allied and partner interests. (U.S. Navy photo by Mass Communication Specialist 2nd Class Stuart Posada)

George H.W. Bush a Nave Vespucci: “Siete ancora la nave più bella del mondo”

Poco più di sessant’anni dopo, l’Amerigo Vespucci ha ricreato lo storico incontro con la portaerei di classe Nimitz USS George HW Bush (CVN 77) nel Mare Adriatico.

“Questa è stata una straordinaria opportunità per onorare e rafforzare la partnership tra le nostre due marine, i nostri paesi e l’eredità delle portaerei della US Navy nella diplomazia marittima”, ha affermato il capitano David-Tavis Pollard, comandante di George HW Bush. “I Vendicatori sono guerrieri che sono gli insegnanti, i leader e gli ambasciatori dell’America. Siamo onorati di rappresentare le nostre famiglie, le nostre città, gli stati e la nazione all’estero”.

Secondo il sito web del Naval History and Heritage Command (NHHC), quando l’Independence incontrò la nave italiana nel 1962, la portaerei chiese all’unità italiana di identificarsi, “Nave Scuola Amerigo Vespucci, Marina Militare Italiana”, fu la risposta

Secondo quanto riferito, l’Indipendence ha risposto: “Siete la nave più bella del mondo”.

Una vecchia foto in bianco e nero messa in evidenza da NHHC negli ultimi anni, oltre che sul sito di Amerigo Vespucci, segna l’incontro sei decenni fa.

“Sono grato alla USS George HW Bush e all’intera US Navy per aver accettato il mio invito a ricreare la storia dopo 60 anni, celebrando l’anniversario del passato di navigazione tra la USS Independence e l’ITS Amerigo Vespucci, che ha consegnato l’iconica etichetta di ‘più bella nave’ alla nave che ho il privilegio di comandare”, ha detto il Capitano Massimiliano Siragusa della Marina Militare Italiana, comandante di Amerigo Vespucci. “Questa nave mi ha portato negli Stati Uniti per la prima volta nella mia vita nel 1992, come guardiamarina; sei anni dopo ho avuto l’opportunità di lavorare per due settimane a bordo della USS Abraham Lincoln, dispiegata nel Golfo Persico, mentre svolgevo un programma di scambio di personale di un anno con la US Navy; oggi, nelle mie ultime quindici giorni di Command at Sea, sono lieto di mettere insieme tre capitoli significativi della mia vita professionale.

Quando George HW Bush ha salutato Amerigo Vespucci, ha risposto: “Questa è la nave della Marina Militare italiana Amerigo Vespucci, nave in servizio attivo”.

George HW Bush ha risposto: “Amerigo Vespucci, siete ancora la nave più bella del mondo!”

Vespucci ha risposto: “Siamo lusingati con te e con il team Avenger, vento favorevole e mare aperto per il tuo rischieramento. Possano il tuo cielo e la tua visibilità rimanere illimitati.

Il Carrier Strike Group (CSG) 10, George HW Bush CSG, è in un dispiegamento programmato nell’area operativa Europa-Africa delle forze navali statunitensi, impiegato dalla sesta flotta statunitense per difendere gli interessi degli Stati Uniti, degli alleati e dei partner.

George HW Bush è l’ammiraglia del CSG-10 e del George HW Bush CSG. Il CSG-10 è composto da George HW Bush, Carrier Air Wing (CVW) 7, Destroyer Squadron (DESRON) 26, Information Warfare Commander e l’incrociatore missilistico guidato di classe Ticonderoga USS Leyte Gulf (CG 55).

Le navi della DESRON 26 all’interno del CSG-10 sono i cacciatorpediniere missilistici guidati classe Arleigh Burke USS Nitze (DDG 94), USS Farragut (DDG 99), USS Truxtun (DDG 103) e USS Delbert D. Black (DDG 119) .

Gli squadroni di CVW-7 imbarcati a bordo della George HW Bush sono i “Jolly Rogers” dello Strike Fighter Squadron (VFA) 103, i “Pukin Dogs” del VFA-143, i “Bluetails” del Carrier Airborne Early Warning Squadron (VAW) 121 , i “Nightdippers” dell’Helicopter Sea Combat Squadron (HSC) 5, i “Sidewinders” del VFA-86, i “Nighthawks” del VFA-136, i “Patriots” dell’Electronic Attack Squadron (VAQ) 140 e i “Grandmasters” ” di Helicopter Maritime Strike Squadron (HSM) 46.

Per oltre 80 anni, US Naval Forces Europe-US Naval Forces Africa (NAVEUR-NAVAF) ha stretto relazioni strategiche con alleati e partner, facendo leva su una base di valori condivisi per preservare sicurezza e stabilità .

Con sede a Napoli, in Italia, NAVEUR-NAVAF opera le forze navali statunitensi nelle aree di responsabilità del Comando europeo degli Stati Uniti (USEUCOM) e del Comando africano degli Stati Uniti (USAFRICOM). La sesta flotta degli Stati Uniti è assegnata permanentemente alla NAVEUR-NAVAF e impiega le forze marittime attraverso l’intero spettro delle operazioni congiunte e navali.

Articolo precedente

Kongsberg fornirà eliche ed assi per le fregate F-126 tedesche

Prossimo articolo

La nuova portaerei Vikrant è entrata in servizio con la Marina Indiana

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Ultime notizie