fbpx

Giustizia alla spalle, firmato il contratto per i Centauro II al Brasile

Dopo il comunicato della Giustizia Federale , al termine della mattinata del 15 dicembre, si è svolta la simbolica cerimonia di firma per l’acquisizione del lotto campione Centauro II, vincitore del concorso internazionale per la progettazione del mezzo corazzato da combattimento Cavalleria veicolo su ruote (VBC CAV – MSR) 8X8 , tra l’Esercito Brasiliano (EB), attraverso il Comando Logistico (COLOG) / Direzione Materiali (DMat), e il Consorzio Iveco-OTO Melara (CIO), joint venture tra Iveco Defence Vehicles (IDV) e Leonardo.

Centauro II with Hitfact MkII HITFACT II Defence Systems HITFACTÆ turret, armed with 120mm/45 caliber gun and fitted for 105mm/52 Centauro II

La consegna dei due veicoli, con le modifiche determinate nei requisiti , è prevista per l’inizio del prossimo trimestre, in Italia, iniziando i test omologativi che consentiranno l’acquisizione di 98 veicoli, in lotti graduali, con produzione locale, presso l’unità IDV di Sete Lagoas-MG, a partire dal 2027, come da programma iniziale .

Il programma di compensazione (“offset”), con trasferimento di tecnologia, verrà avviato durante le consegne di lotti, il primo dei quali è la produzione locale di munizioni da parte di IMBEL, presso la sua unità di Juiz de Fora (MG), e lo sviluppo del simulatore di AEL Sistemas.

Il Tribunale autorizza l’acquisto di VBC Cav

La Corte Superiore di Giustizia (STJ) ha pubblicato oggi, 14 dicembre, la sospensione dell’ingiunzione preliminare e della sentenza dell’azione popolare contro l’acquisizione di mezzi corazzati da combattimento della Cavalleria Media su Ruote (VBC CAV – MSR) 8X8 Centauro II . Domani, 15, è prevista la firma del contratto tra l’Esercito Brasiliano (EB) e il Consorzio Iveco-OTO Melara (CIO).

Il contratto avrebbe dovuto essere firmato il 5, ma è stato sospeso a causa di un’ingiunzione TRF-1 , di natura prettamente politica, riferita all’acquisizione di 98 veicoli, con relativo supporto logistico e sistema di simulazione, per il valore stimato in 3,3 miliardi di reais, ma questo acquisto entrerà in vigore solo dopo la valutazione (e l’approvazione) da parte del Centro di valutazione dell’esercito (CAEx) di due prototipi, da consegnare nel primo trimestre del prossimo anno, in Italia.

I fatti

Il 25 novembre l’Esercito brasiliano, attraverso il Comando Logistico (COLOG) / Direzione Materiali (DMat), ha annunciato che il Centauro II , del Consorzio Iveco–OTO Melara (CIO), ha vinto il concorso internazionale per il progetto VBC CAV – MSR 8X8 e che la firma del contratto sarebbe avvenuta il 5 dicembre.

Domenica 4 dicembre, il giudice federale Wilson Alves de Souza, in servizio presso il Tribunale regionale federale della 1a regione (TRF-1), a Brasilia (DF), rispondendo a un’azione collettiva intentata dall’avvocato Charlles Capella de Abreu, ex – consigliere speciale della Casa Civile nel Governo Dilma Rousseff, ha sospeso la firma del contratto lamentando “ l’evidente illegittimità della condotta amministrativa ” e la mancanza di “ buon senso ” in un presunto contratto che “ arriverebbe alla cifra di oltre R$ 5 miliardi ” sottolineando “la fine della lagislatura dell’attuale governo ”.

Nel pomeriggio del 5 dicembre la Procura della Repubblica (AGU) ha depositato istanza di riesame del decreto ingiuntivo, sostenendo, tra l’altro, che il valore complessivo dello stesso era di gran lunga inferiore a quello esposto in giudizio, e che ciò avrebbe essere diluito entro un periodo di 15 anni; che il suddetto contratto si riferiva ai soli due veicoli (lotto campione) che dovrebbero essere sottoposti ad un iter di omologazione; e che il concorso ha rispettato tutte le fasi del processo legale.

Tuttavia, il 7, la richiesta è stata respinta dal giudice João Batista Moreira, della TRF-1, adducendo come argomento ” c’è in gioco la firma di un grosso contratto analizzato dal Presidente della Repubblica, dal Ministro della Difesa e di altre autorità, quindi, questo è un momento cruciale per una decisione politica così importante ”.

Ancora una volta, l’AGU ha presentato un’altra richiesta di sospensione dell’ingiunzione, ma questa volta allo STJ, che è stata accolta dal suo presidente, il ministro Maria Thereza de Assis Moura, il 9 dicembre.

Il Ministro ha affermato: “ Il progetto in questione – ‘Projeto Forças Armoradas’ – è partito nel 2012, quindi più di dieci anni fa, e non è qualcosa che è stato redatto in modo frettoloso o improvviso. La spesa è stata regolarmente inserita nel Piano Pluriennale 2020-2023, approvato dal Congresso Nazionale nel dicembre 2019, e inserita come ‘Investimento Pluriennale Prioritario’ ”, ha spiegato il ministro.

Questa giusta decisione rida serenità non solo alla Forza di Terra, che avrà assicurata la continuità del progetto di rinnovamento del proprio parco di guerra, ma anche a tutte le società della Base Industriale Difesa (BID), poiché il contrario comporterebbe un minaccia per tutti i progetti attualmente in corso (e futuri), nonché per la credibilità del Paese sul mercato internazionale.

Articoli pubblicati originariamente su Tecnologia&Defesa (firma del contratto, da parte di Paolo Roberto Bastos jr.)

Articolo precedente

Gli Stati Uniti ordinano altri 1681 Joint Light Tactical Vehicle 4×4

Prossimo articolo

Visita di una delegazione dell’Esercito Brasiliano al 5° “Rigel” di Casarsa della Delizia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie