fbpx

Gli NH90 del Qatar hanno raggiunto il traguardo delle mille ore di volo

La flotta di elicotteri NH90 operata dalla Qatar Emiri Air Force ha raggiunto il traguardo di oltre un anno di attività, dando prova di prestazioni, efficacia e operatività eccezionali. Il primo TTH (Tactical Troop Transport) è stato consegnato a dicembre 2021, mentre i primi due NFH (NATO Frigate Helicopter) sono stati consegnati a marzo 2022. Ad un ritmo di consegna di un elicottero ogni due mesi, prima della fine di novembre 2022 sono stati consegnati quattro elicotteri, subito operativi in Qatar. Attualmente la flotta conta nove elicotteri in servizio, di cui quattro TTH e cinque NFH.

Questi primi NH90, parte di un ordine totale di 28 unità, comprendenti 16 TTH per operazioni di terra e 12 NFH per missioni navali, hanno registrato oltre 700 ore di volo nel 2022, di cui quasi 200 negli ultimi due mesi dell’anno a sostegno di eventi di rilevante importanza nel Paese. La flotta ha raggiunto le sue prime 1.000 ore di volo il 28 febbraio 2023. Le missioni svolte includevano principalmente trasporto e servizi utility, oltre a ricerca e soccorso e sorveglianza. Nel 2022 la flotta ha dimostrato una operatività media superiore all’80%, frutto di una stretta collaborazione tra operatore ed industria nella gestione complessiva di attività di supporto e manutenzione.

La Qatar Emiri Air Force è uno dei pochi operatori dell’NH90 che ne utilizza entrambe le versioni TTH e NFH, per svolgere sia operazioni terrestri sia missioni navali. Leonardo agisce in qualità di prime contractor con responsabilità per la gestione del programma, l’assemblaggio finale e la consegna dei 12 elicotteri NH90 NFH dal suo stabilimento di Venezia – Tessera, nonché per la fornitura in loco all’ Air Force, durante i primi anni di entrata in servizio della flotta, di un completo pacchetto di supporto, che comprende anche la presenza di ingegneri, tecnici specializzati, specialisti della logistica e istruttori. L’azienda fornisce, inoltre, simulatori, sistemi e servizi di addestramento per equipaggi e tecnici addetti alla manutenzione. Airbus Helicopters è responsabile dell’assemblaggio finale dei 16 NH90 TTH. Le consegne continueranno fino al 2025.

Leonardo è responsabile o contribuisce in modo significativo alla progettazione, produzione e/o integrazione di un’ampia gamma di sistemi e componenti critici dell’elicottero. Questi includono, tra gli altri, la sezione di coda della fusoliera, il sistema idraulico della trasmissione principale, funzioni avanzate del pilota automatico, l’integrazione dell’impianto propulsivo, il sistema di missione della variante navale NFH (integrando sonar, radar, sistema elettro-ottico, sistemi di autoprotezione elettronica e di identificazione, sistemi video e gestione dei sistemi d’arma comprendenti missili aria-superficie e siluri per il contrasto a minacce navali e sottomarine). Leonardo integra, inoltre, alcuni sistemi proprietari dedicati come l’anticollisione Laser Obstacle Avoidance System (LOAM), l’elettro-ottico LEOSS-T (scelto anche dalla Marina tedesca per l’NH90 Sea Tiger) e, in alcuni casi, mitragliatrici di tipo gatling sul portellone dell’aeromobile.

Maggior programma elicotteristico europeo, l’NH90 rappresenta la scelta ideale per lo svolgimento di missioni in un moderno contesto operativo grazie ad una struttura realizzata interamente in materiali compositi, un’ampia cabina, un eccellente rapporto peso/potenza ed una vasta gamma di equipaggiamenti. È dotato di un sistema di controllo del volo fly-by-wire per ridurre il carico di lavoro del pilota ed ottimizzare la manovrabilità. L’NH90 è offerto in due varianti, una dedicata alle operazioni navali (NFH) ed un’altra alle missioni terrestri (TTH). Ad oggi, circa 490 elicotteri NH90 sono in servizio in tutto il mondo nelle due versioni, operando in presenza di qualsiasi condizione climatica, sia in ambiente terrestre che marittimo.

Fonte Leonardo Press Office-Media Hub

Foto @NHIndustries-A.Pecchi

Articolo precedente

L’India acquista sistemi d’arma per 8,52 miliardi di dollari

Prossimo articolo

Missili Tomahawk per l’Australia

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Ultime notizie