giovedì, Ottobre 21, 2021

Gli Stati Uniti potrebbero acquistare i sistemi russi S-400 venduti ai turchi

-

Gli Stati Uniti potrebbero acquistare i sistemi missilistici S-400 venduti dalla Russia alla Turchia ed al centro di una furiosa battaglia diplomatica tra Washington ed Ankara.

John Thune, official portrait, 111th Congress.jpg
Senatore John Thune

La proposta è portata avanti al Senato dal repubblicano John Thune, Senatore per lo stato del Dakota del Sud, che in un emendamento del 2021 National Defense Authorization Act (NDAA) ha proposto di comprare gli S-400 “turchi” impiegando i fondi dell’U.S. Army destinati all’acquisto di sistemi missilistici.

Presidente turco Recep Tayyip Erdogan

Io penso che l’acquisto degli S-400 dalla Turchia sia una soluzione intelligente per togliere il Presidente turco Recep Tayyip Erdogan dal guaio in cui lui stesso si è cacciato. Vogliamo solo quei sistemi fuori dalla Turchia…e se ciò consente ai turchi di prendere parte all’F-35, tanto meglio

Jim Townsend, ex funzionario del Pentagono per la policy europea e NATO
Jim Risch official portrait.jpg
Senatore Jim Risch

Dall’altra parte però, un altro Senatore repubblicano, Jim Risch dell’Idaho, ha introdotto un emendamento per stringere ancora di più le maglie delle sanzioni attorno alla Turchia. L’emendamento in questione prevede infatti che Trump adotti le sanzioni previste dal CAATSA (Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act) contro la Turchia entro trenta giorni dal passaggio della NDAA.

S-400

Lo scorso anno gli Stati Uniti hanno bandito la Turchia, alleato NATO, dal programma JSF proprio a causa dell’acquisto da parte di Ankara dei sistemi missilistici S-400 dalla Russia per 2,5 miliardi di dollari.

Per approfondire il perché dei malumori USA: Perché Washington non vuole avere di mezzo l’S-400

I sei F-35A già prodotti da LM per la Turchia saranno presi in carico dall’USAF dopo opportune modifiche.

Esito

Non è detto che, malgrado i due senatori repubblicani siano molto influenti, le due proposte possano trovare terreno fertile.

La Turchia è un alleato strategico per gli Stati Uniti.

La prima proposta è di difficile realizzazione per una serie di motivi: la Turchia si troverebbe punto a capo senza batteria missilistiche moderne (ha già rifiutato il Patriot e la Francia ostacola i turchi nell’EUROSAM) ed i russi non sarebbero certo contenti di “consegnare” nelle mani degli Stati Uniti la loro punta di diamante (molto probabile che nei contratti ci siano clause di NDA).

La seconda proposta è invece una scure che si abbatte sui rapporti tra i due paesi. In questo momento, data la delicata situazione all’interno del Mediterraneo, è difficile che possa passare.

Jonh Tune è capogruppo al Senato degli Stati Uniti per i Repubblicani mentre Jim Risch è Presidente del Comitato del Senato sugli Affari Esteri.

Ultime notizie

“Si è concluso in questi giorni l’articolato e complesso iter tecnico-amministrativo che ha visto il Ministero della Difesa prodigarsi...
Il Direttore Generale dell’Agenzia Industrie Difesa, Dott. Nicola Latorre, ha ricevuto presso gli Uffici della Direzione Generale il Generale C.A. Luciano Portolano, Segretario Generale della Difesa...
L'Agenzia per gli armamenti svedese ( Försvarsmakten o FMV) ha emesso un bando di gara per l'acquisto di imbarcazioni...
E' stato siglato un importante contratto tra la Norwegian Defence Material Agency e Kongsberg Defence & Aerospace del valore...

Da leggere

149° Anniversario della costituzione delle Truppe Alpine dell’Esercito Italiano; l’intervento del Sottosegretario Pucciarelli

149°Anniversario della costituzione delle Truppe Alpine dell’Esercito, Sottosegretario Pucciarelli:...

Maggiore operatività per i Boeing KC-46A Pegasus dell’USAF

Lo scorso 13 ottobre, il Gen. Mike Minihan Comandante...