sabato, Ottobre 23, 2021

I punti chiave della “Difesa totale” svedese 2021-2025

-

Il Piano della Difesa svedese 2021-2025 fissa alcuni punti chiave nella strategia di Stoccolma per lo sviluppo di una politica di sicurezza a lungo termine in grado di assicurare la “difesa totale” della nazione.

La Svezia ha mostrato l’intenzione di dare una grosso impulso alle spese militari aumentando gli stanziamenti del 40% nei prossimi quattro anni in virtù della delicata situazione internazionale potendo quindi contare su circa 2,6 miliardi di euro in più tra il 2021 ed il 2025 per proprie le Forze Armate.

Difesa Totale

Nel caso in cui la Svezia sia attaccata, le Forze Armate svedesi, con il supporto della Difesa totale, difenderanno la Svezia per “prendere tempo” in modo da salvaguardare l’indipendenza del paese.

La Difesa totale deve essere sviluppate e dimensionata per rispondere ad un attacco armato contro la Svezia, inclusi atti di guerra in territorio svedese.

Struttura

La resilienza delle Forze Armate deve essere incrementate e per perseguire questo obiettivo è necessario aumentare il budget della difesa di circa 2,7 miliardi di euro, un incremento del 45% rispetto al 2020 e del 95% rispetto al 2015.

Più brigate

Il Governo ritiene essenziale, durante il periodo 2021-2025, di mantenere le due brigate attualmente esistenti e di organizzare una terza brigata meccanizzata ed una più piccola da dispiegare nella zona di Stoccolma.

Presenza nel Gotland

Gotland è la più grande delle isole svedesi di vitale importanza da un punto di vista strategico per il Baltico e non a caso è stata “militarizzata” a partire dal 13° secolo.

Il Governo intende incrementare il numero di unità presenti.

Comando

Il lavoro a livello decisionale, inclusi staff, quartier generali e unità di artiglieria deve essere incentrato verso unità combattenti in grado di lavorare in modo congiunto.

Nuove unità per la Marina

Il numero di sottomarini deve aumentare da quattro a cinque insieme a due nuovi battelli classe Blekinge. Deve altresì iniziare il percorso di acquisizione di nuove unità di superficie che dovrà essere compiuto nel periodo 2026-2030.

Gripen E

Il Gripen E è ormai prossimo ad entrare in azione assieme ai Gripen C/D già in servizio in sei squadroni. E’ prevista l’acquisizione di ulteriori missili e capacità di guerra elettronica.

Dominio Cyber

La Svezia deve essere in grado di eseguire operazioni difensive ed offensive nel dominio cyber e deve riguardare anche il concetto di Difesa totale.

Difesa Civile

Il servizio di difesa civile deve essere incrementato con lo stanziamento di nuovi fondi in modo che tutta lo società sia partecipe allo sforzo per raggiungere un obiettivo comune sia in tempo di guerra che in tempo di pace.

La Difesa Civile e quella militare devono lavorare in modo coordinato e pianificato per poter gestire le emergenze che potrebbero riguardale la nazione.

Immagine di copertina: Swedish forces in Afghanistan

Ultime notizie

Giovedì 28 ottobre, alle ore 18.30, a bordo della portaerei Cavour ormeggiata nel porto di Civitavecchia, le capacità della...
Il Generale di Brigata Beniamino Vergori cede il comando della Brigata Paracadutisti “Folgore” al fratello parigrado Roberto.Pisa, 22 ottobre...
L’elicottero a pilotaggio remoto AWHero ha ottenuto la certificazione militare basica dalla DAAA (Direzione degli Armamenti Aeronautici e per l’Aeronavigabilità). L’importante...
La turbolenta vicende del carro armato Altay di fabbricazione turca potrebbe essere giunta ad un punto di svolta.Infatti,...

Da leggere

Valutazione dell’IVECO Guarani in Argentina – Il punto di vista di chi c’era

Dalla metà degli anni 2010, l'Esercito argentino (EA) ha...

Nuovo pattugliatore d’altura P.04 “Osum” per la Guardia di Finanza

Presso il Cantiere Navale Vittoria di Adria è stato...