venerdì, Gennaio 27, 2023

I Royal Marines si dirigono in Norvegia con Bear Grylls per prepararsi a Cold Response

I Royal Marines sono gli esperti del Regno Unito in operazioni in tutti gli ambienti estremi, comprese le montagne ghiacciate e i fiordi del Circolo Polare Artico, uno degli ambienti più difficili conosciuti dall’uomo dove il sole non sorge per due mesi all’anno e le temperature possono precipitare fino a -35°C.

Ogni inverno la prossima generazione di Royal Marines si dirige nell’estremo nord per addestrarsi a sopravvivere, muoversi e combattere attraverso le coste frastagliate e le montagne spietate della Norvegia settentrionale, a dimostrazione dell’impegno del Regno Unito nel proteggere uno dei suoi più stretti alleati della NATO. 

Quest’anno, i marines guideranno il coinvolgimento del Regno Unito nell’esercitazione Cold Response, supportati da un gruppo di lavoro di navi e aerei della Royal Navy, tra cui la portaerei e la nave comando della NATO HMS Prince of Wales.

L’esercitazione guidata dalla Norvegia, da marzo a aprile, coinvolge 35.000 soldati provenienti da 28 nazioni, con navi da guerra e aerei alleati che lavorano a stretto contatto mentre la potente task force mette alla prova la sua capacità di proteggere la Norvegia dalle minacce moderne. 

Prima del gelido combattimento di Cold Response, i commando devono affrontare il corso intensivo Cold Weather Warfare tenuto dai Royal Marines Mountain Leaders, gli specialisti della guerra di montagna e dell’Artico che addestrano i commando nelle preziose abilità necessarie per combattere e sopravvivere sulla neve e sul ghiaccio. 

Ciò include la costruzione di rifugi di emergenza e il salto nell’acqua gelata per testare le risposte allo shock da freddo. 

Ai commando vengono anche insegnate le abilità di navigazione prima di indossare gli sci e le racchette da neve per imparare come attraversare rapidamente il ghiaccio e sconfiggere gli avversari che trasportano armi e attrezzature attraverso le aree di addestramento nelle montagne di Troms e nella contea di Finnmark nella Norvegia settentrionale.

Il caporale Jack Cooper del 40 Commando ha dichiarato: “Questa è la mia quarta volta in Norvegia. Il solo fatto di sopravvivere qui presenta sfide uniche, ma se puoi operare qui, puoi operare ovunque”.

I Royal Marines si schierano in Norvegia su invito del governo norvegese e continuano a farlo per addestrarti nel combattimento artico, pronti a combattere nella regione ogni volta che viene richiesto. 

“La Norvegia è un ambiente incredibilmente difficile, ma con alcune competenze specialistiche e facendo bene le basi, sostenere e operare qui è molto più gestibile”, ha affermato il diciannovenne Marine Mark Clarke, che ha imparato a costruire diverse tipologie di rifugi per la sopravvivenza artica. 

Il corso di addestramento è stato esteso di una settimana quest’anno per acquisire maggiore esperienza e sviluppare ulteriore sicurezza per i marines.

Il sergente di colore Taylor, 45 Commando’s Mountain Leader 1, ha dichiarato: “In termini di beneficio dell’allenamento, siamo davvero in una buona posizione. Mi aspetto che le aziende massimizzino la loro interazione con questo ambiente esigente, in modo da crescere come una forza combattente efficace”.

L’avventuriero, presentatore televisivo e colonnello onorario dei Royal Marines Bear Grylls è passato per assistere all’addestramento e affrontare la famigerata esercitazione per rompere il ghiaccio.

Ha detto: “È sempre stimolante trascorrere del tempo con i Commando: vederli dimostrare le loro abilità di combattimento di sopravvivenza invernale uniche in condizioni così difficili è un promemoria di quali eroi sono. Per un giovane marine, l’Artico è un’esperienza straordinaria e, se possono operare qui, possono operare ovunque”.

Fonte: Royal Navy

CORRELATI

POTREBBE INTERESSARTI