Il Capo di Stato Maggiore delle Forze di Autodifesa Giapponesi al Comando NATO di Bruxelles

0
132
Chairman of the Joint Chiefs of Staff, Marine Gen. Peter Pace, executes a pass and review of Japanese soldiers while visiting the Japanese Ministry of Defense in Tokyo, Japan, Mar. 21, 2007. DoD photo by Staff Sgt. D. Myles Cullen (released)

Per la prima volta in assoluto l’ufficiale di più alto grado in carica delle Forze di Autodifesa Giapponesi partecipa in Europa a Bruxelles alla riunione dei capi militari dei Paesi della NATO.

Un evento “storico” mai successo finora in tutto il percorso della Alleanza Nord Atlantica, in concomitanza con l’altro passaggio epocale della richiesta di adesione presentata da Finlandia e Svezia, Paesi tradizionalmente neutrali.

Alla riunione NATO partecipa il Capo di Stato Maggiore della Difesa Giapponese, il Generale Koji Yamazaki; la presenza della massima autorità militare di Tokyo è connessa alla sessione relativa alla sicurezza e cooperazione militare in atto e da sviluppare nella regione dell’Indo-Pacifico.

Al vertice, oltre il CSMD giapponese, sono presenti anche le autorità militari della Corea del Sud, Australia e Nuova Zelanda, tutti Paesi, come lo stesso Giappone, che non appartengono alla NATO ma che con l’Alleanza Nord Atlantica hanno rapporti sempre più stretti.

La riunione tratterà ovviamente della situazione in atto nell’immenso bacino dell’Oceano Indiano e dell’Oceano Pacifico, con la crescente pressione aeronavale cinese, la conflittualità sempre più accesa per il possesso delle Isole Spartly e Paracel nonché la minaccia missilistica nord coreana.

Per il Giappone si tratta di un’ulteriore tappa per il consolidamento di rapporti sempre più stretti con la NATO che ha visto già l’invio permanente a Tokyo ed a Bruxelles dei rispettivi ufficiali di collegamento presso i Comandi Marittimi.

Tokyo infatti partecipa da tempo a missioni della Coalizione internazionale o da sola ma, comunque, strettamente interconnesse con quelle gestite dall’Alleanza Atlantica, ad esempio nel Golfo Persico e nel Corno d’Africa.

Incontri politici ad altissimo rango hanno preceduto l’odierna missione a Bruxelles, come il vertice tra il Primo Ministro Fumio Fushida ed il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg e la partecipazione al vertice NATO dello scorso aprile del Ministro degli Esteri di Tokyo Yoshimasa Hayashi.

In tempi recenti, la Japan Air Self-Defense Force ha contribuito con i suoi velivoli da trasporto all’evacuazione da Kabul di migliaia di militari, personale delle ambasciate e civili.

Con lo scoppio della guerra tra Russia ed Ucraina, il Giappone ha deplorato l’aggressione di Mosca imponendo sanzioni e sospendendo alcuni commerci; ha inviato suoi aerei militari in Europa per trasportare aiuti e sistemi di protezione all’Ucraina.

Foto U.S. Department Of Defense/Staff Sgt. D. Myles Cullen

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui