domenica, Agosto 1, 2021

Il Jolly Green II completa le prove in “laboratorio”

-

L’U.S. Air Force ha completato l’ultimo giro di test per il nuovo elicottero CSAR (Combat Search and Rescue) Sikorsky HH-60W Jolly Green II.

Le prove, che si sono tenute presso la base aerea di Eglin, sono servite a certificare il corretto funzionamento dell’armamento in condizioni di volo.

I lavori sono iniziati nel maggio 2019 con il primo Jolly Green II ed il team ha effettuato circa 1.100 prove in volo su sei differenti elicotteri.

Gli elicotteri saranno modificati prima di essere trasferiti ai reparti operativi dell’USAF.

HH-60W Jolly Green II

An HH-60W Jolly Green II connected with a HC-130J tanker for its first ever aerial refueling over southern Alabama Aug. 5, 2020. The Air Force’s new combat search and rescue helicopter is currently undergoing developmental and operational testing. (U.S. Air Force photo by Master Sgt. Tristan McIntire)

L’HH-60W, prodotto dalla Lockheed Martin’s Sikorsky Aircraft Corp., è dotato di una vasta gamma di capacità che garantiranno ai suoi equipaggi di continuare a svolgere le loro operazioni critiche di ricerca e salvataggio e recupero del personale per tutti i servizi militari e gli Alleati degli Stati Uniti in ambienti contesi e complessi. Il “Jolly Green II” dispone di sistemi difensivi avanzati e migliorati, riduzione della vulnerabilità, migliori prestazioni hover, capacità elettrica potenziata, avionica di nuovo tipo, migliore capacità di raffreddamento, armi, sicurezza informatica, requisiti ambientali e net-centrici.

La missione principale dell’elicottero HH-60W è quella di condurre operazioni in ore diurne o notturne in ambienti ostili per recuperare personale isolato durante la operazioni. La piattaforma sarà anche in grado di eseguire operazioni diverse da quelle militari, tra cui la ricerca e il salvataggio di civili, l’evacuazione medica, la risposta ai disastri, l’assistenza umanitaria, la cooperazione di sicurezza / consulenza aerea, il supporto al volo spaziale della NASA nonché il comando e il controllo di salvataggio.

Il nuovo modello è caratterizzato dal raddoppio della capacità interna del carburante senza l’uso di serbatoi di carburante ausiliari esterni, dalla suite integrata di armi, sistemi e sensori difensivi che aumenta le capacità operative, il raggio d’azione (peraltro aumentabile con il rifornimento in volo) e la sopravvivenz. Inoltre, l’HH-60W mantiene il 100% di comunanza con i motori e i sistemi dinamici dell’UH-60M generando economie di scala,

L’USAF prevede di acquistare fino un massimo di 113 elicotteri HH-60W per sostituire gli HH-60G Pave Hawk che rimarranno in linea finché la transizione al nuovo modello non sarà completata.

Immagini di copertina: A 413th Flight Test Squadron HH-60W Pave Hawk hangs in the anechoic chamber at the Joint Preflight Integration of Munitions and Electronic Systems hangar, Jan. 6, 2020, at Eglin Air Force Base, Fla. The J-PRIMES anechoic chamber is a room designed to stop internal reflections of electromagnetic waves, as well as insulate from external sources of electromagnetic noise. (U.S. Air Force photo by Samuel King Jr.)

Ultime notizie

Il Dipartimento di Stato di Washington ha dato parere favorevole ad una possibile vendita militare straniera (FMS) al Governo Israeliano...
Saab ha firmato un contratto con l'Ufficio federale tedesco per le attrezzature, la tecnologia dell'informazione e il supporto in...
Il 30 luglio 2021 è avvenuto il primo della nuova versione Integrated Functional Capability Four (IFC-4) del drone HALE...
Il velivolo simulatore in volo variabile NF-16D (VISTA) è stato rinominato come X-62A, a partire dal 14 giugno 2021.Il...

Da leggere

La Reale Marina Norvegese “tropicalizza” la fregata F311 Roald Amundsen

La fregata F311 Roald Amundsen è stata oggetto di...

Primo Lynx Mk95A ammodernato per il Portogallo

Leonardo Helicopters ha consegnato alla Marina portoghese il primo...