fbpx

Il nuova programma estone di aiuti militari alla Ucraina

All’incontro internazionale tenutosi a Tapa lo scorso 19 gennaio, guidato da Estonia e Gran Bretagna, i Paesi hanno presentato l’ultimo aiuto militare all’Ucraina, che comprende una quantità significativa di armi pesanti.

“L‘Ucraina ha maggiore necessità di armi pesanti per mantenere l’iniziativa e opporsi alla Russia, che si sta attualmente preparando a ripristinare il suo potere militare. In tempi difficili, abbiamo bisogno di Alleati pronti a prendere l’iniziativa. Insieme al suo stretto Alleato, il Regno Unito, l’Estonia è uno di quei Paesi su cui si può fare affidamento. Sono lieto che siamo stati in grado di coinvolgere altri Alleati per apportare cambiamenti sul campo di battaglia“, ha affermato il Ministro della Difesa Nazionale Estone, Hanno Pevkur.

Il pacchetto dell’Estonia questa volta si concentra sul fuoco indiretto e sulle armi anticarro. È il più grande finora, composto da dozzine di obici FH-70 da 155 mm (saranno trasferiti tutti e 24 gli obici-cannoni da 155/39 mm ora in dotazione all’Esercito Estone) e D-30 da 122 mm (di epoca sovietica), migliaia di proiettili di artiglieria da 155 mm, veicoli di supporto per unità di artiglieria e centinaia di cannoni senza rinculo anticarro Carl-Gustaf M2 con relative munizioni. Il valore di questo pacchetto è di circa 113 milioni di euro, il cui importo sarà riassegnato per consentire il ripristino delle dotazioni delle forze di difesa terrestre estoni.

Da parte sua, durante il summit di Tapa il Ministro della Difesa britannico Ben Wallace ha anche parlato del pacchetto di aiuti militari predisposto dal Regno Unito a favore della Ucraina che include carri armati Challenger 2, semoventi d’artiglieria AS-90 e veicoli corazzati oltre munizionamento e sistemi per la difesa anticarro.

All’incontro tenutosi presso il campus militare di Tapa hanno partecipato anche il Ministro della Difesa Lituano Arvydas Anušauskas e rappresentanti di altri otto Paesi: Spagna, Paesi Bassi, Lettonia, Polonia, Germania, Slovacchia, Danimarca e Repubblica Ceca.

Le delegazioni hanno anche incontrato i soldati dell’Estonia e di altri Alleati della NATO di stanza a Tapa.

Con l’ultimo pacchetto di aiuti, l’Estonia ha fornito aiuti militari all’Ucraina per un valore di ripristino di circa 370 milioni di euro, che è, in confronto, quasi la metà del budget per la difesa dell’Estonia nel 2022 e oltre l’1% del prodotto interno lordo dell’Estonia. L’Estonia è quindi tra i principali fornitori di aiuti internazionali all’Ucraina.

L’Estonia chiede il ripristino delle risorse dal Fondo europeo per la pace, dal quale, sulla base delle precedenti decisioni, l’Estonia riceverà un rimborso per un importo di 156 milioni di euro. L’aiuto militare all’Ucraina non riduce la capacità di difesa dell’Estonia, il deficit della prontezza al combattimento dell’artiglieria donata sarà completamente ripristinato.

Inoltre, nel 2023 l’Estonia continuerà a offrire addestramento di base e speciale alle forze di difesa ucraine.

Fonte e foto Ministero della Difesa Estone

Articolo precedente

Pacchetto di aiuti militari finlandesi alla Ucraina del valore di più di 400 milioni di euro

Prossimo articolo

La Slovacchia completa la consegna alla Ucraina della prima batteria di semoventi Zuzana 2

Lascia un commento

Your email address will not be published.

Latest from Blog

Saab continua lo sviluppo del Gripen

Saab ha comunicato di aver ricevuto un ordine da Försvarets materielverk (FMV) l’Amministrazione svedese dei materiali di difesa per continuare a sostenere…

Ultime notizie