domenica, Ottobre 17, 2021

Il Pakistan riceve 14 JF-17 biposto dalla Cina

-

La Cina ha ufficialmente consegnato 14 caccia multiruolo JF-17B biposto all’Aeronautica Militare del Pakistan.

I velivoli verranno impiegati nei ruoli LIFT (Lead-In Fighter Trainer), attacco al suolo e ricognizione e apriranno la strada all’arrivo dei Block III dotati di radar AESA e avanzati sistemi di guerra elettronica.

La cerimonia è avvenuta alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Mujahid Anwar Khan, dell’ambasciatore cinese, Nong Rong, e ufficiali nigeriani.

Il primo volo della variante biposto è avvenuto nell’aprile 2017 a Chengdu.

L’Aeronautica pakistana opera un totale di 145 JF-17 che rappresentano la prima linea “autonoma” per numero e per capacità dato che l’impiego degli F-16 è sempre al centro di discussioni tra Islamabad e Washington ed i Mirage 5 e Mirage III non ricevono aggiornamenti dagli anni 90′.

JF-17

Il caccia sino-pakistano JF-17 è stato sviluppato dalla PAC (Pakistan Aeronautical Complex) e dalla CAC (Chengdu Aircraft Corporation) a cavallo tra gli anni 90’ ed il nuovo secolo.

Il JF-17 è stato acquistato da Pakistan, Nigeria e Myanmar.

L’impianto propulsivo è composto da un motore di produzione russa RD-93MA; il medesimo che è installato anche sui Mig-29. Dal 2009 è possibile anche scegliere il turbogetto cinese WS-13, più potente e parsimonioso in termini di consumo.

Ha un peso massimo al decollo di 12.383 kg e può portare fino ad un massimo di 4,325 kg di carico nei piloni esterni. L’autonomia di trasferimento, con tre taniche, è di 3.841 km mentre il raggio di combattimento si attesta a 1.352 km* (da specificare per quale tipo di combattimento)

Il punto di forza della macchina è il prezzo comparato all’equipaggiamento. L’assegno per portarsi a casa un JF-17A è di circa 30 milioni di dollari e comprende: radar AESA NRIET KLJ-7A, casco di volo HMS (Helmet-Mounted-Sight) e MFD (Multi-Function-Display), HOTAS, compatibilità con visori NVG, sedile di eiezione della Martin Baker del tipo zero-zero, capacità per il rifornimento in volo e possibilità di installare pod aggiuntivi per ricognizione, targeting diurno e notturno, jamming elettronico, IRST, etc.

Il software che controlla la parte “avionica” è scritto completamente in C++ e incorpora il concetto dell’architettura aperta. E’ possibile dunque modellare con relativa semplicità gli aspetti della macchina in base alle proprie esigenze.

Il radar KLJ-7A prodotto dal Nanjing Research Institute of Electronic Technology (NRIET) opera in banda X. Secondo le specifiche tecniche, rese note dal costruttore, in modalità look-up può tracciare un bersaglio con una RCS di 5 m2 a 200 km che scendono a 100 se opera in modalità look-down. La capacità di analisi è limitata all’inseguimento di 10 bersagli in Track-While-Scan o TWS.

Il Radar Warning Receiver è l’ALR-67 di Northrop Grumman mentre l’Airborne Missile Approach Warning System è l’S740 di produzione pakistana.

L’armamento spazia dagli AIM-9L/M fino ai PL-10 (BVR) per missioni aria-aria, missili ARM per compiti di soppressione radar, Exocet e altri missili cinesi per compiti anti-nave.

Per le bombe non guidate la serie Mk-82,-83,-84 e Matra Durandal mentre per quelle guidate GBU-10,-12,-16, LT-2, H-4, Takbir e LS-6.

Secondo la stampa la AVIC cinese ha intenzione di ridurre i tempi di produzione a soli 15 giorni.

Ultime notizie

Naval Group ha consegnato alla Marina Argentina il terzo pattugliatore oceanico l'OPV A.R.A. Storni.La nave, come la precedente...
L'U.S. Army Sentinel A4 Program Office ha assegnato un contratto con procedura velocizzata a Lockheed Martin per iniziare la...
Il cantiere navale francese OCEA ha confermato l'ordine da parte della Marina della Nigeria per una seconda unità idrografica.La...
Russia e Cina hanno pesantemente criticato la nuova alleanza tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia (AUKUS) affermando che...

Da leggere

Boeing annuncia le consegne nel terzo trimestre

La Boeing ha annunciato oggi le consegne nei programmi...

In Giappone varato il sottomarino Hakugei

Presso i cantieri navali Kawasaki Heavy Industries di Kobe...