giovedì, Ottobre 28, 2021

Il primo JF-17 pakistano arriva in Nigeria

-

L’Aeronautica Militare nigeriana (NAF) ha ricevuto il primo caccia JF-17 di produzione pakistana dei tre ordinati.

Il velivolo è giunto il 21 marzo con un Ilyushin Il-76 dell’Aeronautica pakistana presso l’aeroporto civile/militare di Makurdi.

L’acquisto del caccia pakistano è parte del programma di rinnovamento della NAF che include anche otto Mi-35M russi e dodici A-29 Super Tucano per Close Air Support (CAS) dagli Stati Uniti.

Secondo quanto riferito da defenceWeb l’addestramento di piloti e specialisti nigeriani in Pakistan è iniziato a partire da metà 2020.

JF-17

Il caccia sino-pakistano JF-17 Thunder è stato sviluppato dalla PAC (Pakistan Aeronautical Complex) e dalla CAC (Chengdu Aircraft Corporation) a cavallo tra gli anni 90’ ed il nuovo secolo.

L’impianto propulsivo è composto da un motore di produzione russa RD-93MA; il medesimo che è installato anche sui Mig-29. Dal 2009 è possibile anche scegliere il turbogetto cinese WS-13, più potente e parsimonioso in termini di consumo.

Ha un peso massimo al decollo di 12.383 kg e può portare fino ad un massimo di 4,325 kg di carico nei piloni esterni. L’autonomia di trasferimento, con tre taniche, è di 3.841 km mentre il raggio di combattimento si attesta a 1.352 km.

Il punto di forza della macchina è il prezzo comparato all’equipaggiamento. L’assegno per portarsi a casa un JF-17A è di circa 30 milioni di dollari e comprende: radar AESA NRIET KLJ-7A, casco di volo HMS (Helmet-Mounted-Sight) e MFD (Multi-Function-Display), HOTAS, compatibilità con visori NVG, sedile di eiezione della Martin Baker del tipo zero-zero, capacità per il rifornimento in volo e possibilità di installare pod aggiuntivi per ricognizione, targeting diurno e notturno, jamming elettronico, IRST, etc.

Il software che controlla la parte “avionica” è scritto completamente in C++ e incorpora il concetto dell’architettura aperta. E’ possibile dunque modellare con relativa semplicità gli aspetti della macchina in base alle proprie esigenze.

Il radar KLJ-7A prodotto dal Nanjing Research Institute of Electronic Technology (NRIET) opera in banda X. Secondo le specifiche tecniche, rese note dal costruttore, in modalità look-up può tracciare un bersaglio con una RCS di 5 m2 a 200 km che scendono a 100 se opera in modalità look-down. La capacità di analisi è limitata all’inseguimento di 10 bersagli in Track-While-Scan o TWS.

Secondo la stampa la AVIC cinese ha intenzione di ridurre i tempi di produzione a soli 15 giorni.

Il JF-17 è stato acquistato da Pakistan (154 esemplari), Nigeria e Myanmar.

Il 30 dicembre 2020 il Pakistan ha ricevuto 14 JF-17 biposto.

Ultime notizie

Krauss-Maffei Wegmann (KMW) ha simbolicamente consegnato il primo di un totale di sei sistemi di posa di ponti LEGUAN...
Il Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord ha esteso fino al 2035 il suo accordo di...
La fregata NRP Bartolomeu Dias (F 333), prima delle due fregate M in servizio con la Marina Portoghese, è...
Rostec ha fornito al Ministero della Difesa della Federazione Russa un complesso di controllo del fuoco di artiglieria 1V198...

Da leggere

MJU-68/B Flare Infrared Countermeasures anche per l’Italia

Chemring Australia Pty Ltd., ha ottenuto dal Dipartimento alla...

FAQ, le risposte che devi conoscere sulle incursioni aeree cinesi verso Taiwan

Negli ultimi giorni è ribalzata sulle testate di tutto...