fbpx

Impostata a Riva Trigoso la nuova Nave Idro-Oceanografica Maggiore della Marina Militare

Fincantieri ha impostato presso il Cantiere Navale di Riva Trigoso la nuova Nave Idro-Oceanografica (N.I.O.M.) che sarà consegnata alla Marina Militare in sostituzione di Nave Magnaghi varata nel 1974.

La cerimonia di impostazione si è tenuta il 9 maggio 2024 presso il cantiere ligure a distanza di circa sei mesi dal taglio della prima lamiera avvenuto il 19 dicembre 2023.

La NIOM avrà una lunghezza di circa 110 m, larghezza di circa 19 m ed avrà sistemazioni per 145 persone tra uomini del equipaggio e ricercatori scientifici; sarà dotata di un sistema di posizionamento dinamico e di un sistema di propulsione integrato completamente elettrico, caratterizzato da basse emissioni in atmosfera, in modo da consentire la navigazione anche in aree di interesse protette o soggette a particolari restrizioni.

Con dislocamento di 5.000 tonnellate, la nave raggiungerà una velocità massima di 15 nodi ed autonomia di 7.000 miglia a 12 nodi.

Inoltre, impianti ed attrezzature scientifiche permetteranno di operare in climi con temperature medie sino a -20°C, eseguire rilievi batimetrici, topografici e geodetici, acquisire dati idro-oceanografici e geofisici marini e meteorologici, oltre che effettuare rilievi di anomalie magnetiche e condurre attività a supporto di operazioni di Rapid Enviromental Assessment (REA).

A bordo della nuova Nave Idro-Oceanografica Maggiore sarà imbarcato anche un veicolo subacqueo autonomo tipo Autonomous Underwater Vehicle (AUV), equipaggiato con sensori idro-oceanografici e vi sarà lo spazio predisposto per i moduli container al fine di garantire la massima interoperabilità.

La NIOM avrà una gru off-shore da 190 tonnellate, gru servizi portuale da 29 Tm, portale “A-frame” (1 a pp CN) da 22 t, portale LARS per operazioni Idrografiche, gru leggere disposte a prora, una gru per movimentazione per imbarcazioni, posizionamento dinamico classe DP2 garantito da 2 thruster prodieri, integrati nell’impianto di propulsione.

Di seguito quanto pubblicato da Fincantieri sul proprio canale X (ex-Twitter):

Una splendida giornata al nostro cantiere di Riva Trigoso per l’impostazione della nuova Nave Idro-Oceanografica Maggiore (N.I.O.M.) della Marina Militare, destinata ad attività di mappatura e monitoraggio scientifico, oltre che al supporto delle iniziative dell’Istituto Idrografico.

Un’unità concepita con la massima attenzione verso gli aspetti green, grazie a tecnologie per il contenimento delle emissioni, una propulsione diesel-elettrica per ottimizzare consumi, forme di carena funzionali alla riduzione della resistenza all’avanzamento e l’utilizzo di materiali environment-friendly.

Attraverso le sue plurime capacità scientifiche, N.I.O.M. è qualificata come mezzo a diretto supporto degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’ONU sul mare.

Un’unità che ci rende sempre più orgogliosi della storica collaborazione con la Marina Militare, al servizio dell’innovazione e della ricerca per la tutela dei nostri mari.

Articolo precedente

Quattro AW189 per la Guardia Costiera malese

Prossimo articolo

La RFA Proteus a Londra

Ultime notizie